Menu

VENEZIA - 16 novembre: XXVIII Ciclo di dialogo ebraico-cristiano

VENEZIA - 16 novembre: XXVIII Ciclo di dialogo ebraico-cristiano

Comunità Evangelica Luterana

SAE- Segretariato Attività Ecumeniche

Ciò che è sgradito a te, non farlo al tuo compagno: questo è tutta la Torà, il resto è commento. Vai e studia. Talmud Bab,Shabat 31 (detto di Hillel)

La Comunità Evangelica Luterana di Venezia e il Segretariato Attività Ecumeniche di Venezia invitano al XXVIII Ciclo di dialogo ebraico-cristiano

L’ebraicità di Gesù - Yeshuà ben Yosèf (seconda parte 2014-15) che si aprirà con la prolusione: l’ebraicità di GESU' E il dialogo ebraico-cristiano

Relatori:

AMOS LUZZATTO Comunità Ebraica di Venezia, già Presidente UCEI

PIERO STEFANI Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale, Milano Istituto Studi Ecumenici “S. Bernardino”, Venezia e Università di Ferrara

Continua anche quest’anno la nostra ricerca sull’ebraicità di Gesù che avevamo diviso in due parti per ragioni di completezza e per l’importanza che questo argomento ha assunto nel dialogo ebraico-cristiano. Infatti ebraismo e cristianesimo hanno in comune una grande riluttanza: accettare pienamente e apertamente il fatto che Gesù era un ebreo e lo sarà per sempre. I cristiani spesso si sono creati l’immagine di un Cristo sradicato dalla sua terra, dal suo tempo e dal suo popolo. Il mondo ebraico invece, per molti secoli ha visto Gesù come colui nel nome del quale veniva perseguitato, e quindi sarebbe stato molto difficile riabilitarne l’ebraicità originaria. Da tempo i cristiani hanno avviato un cammino di autocoscienza attraverso la scoperta delle radici ebraiche della loro identità e, poiché la fede di Gesù è radicata nella fede di Israele, hanno ricominciato a guardare con interesse e stima l’esperienza spirituale ebraica. Anche l’ebraismo ha sviluppato una lunga tradizione, alimentata soprattutto durante la Shoah, che riconosce Gesù come un ebreo perseguitato, a volte dai cristiani stessi. La sofferenza che in passato troppo spesso ha diviso ebrei e cristiani può diventare oggi, sempre più profondamente, un elemento di solidarietà e un nuovo punto di partenza: chi incontra Gesù incontra l'ebraismo.

 

I COORDINATORI Michaela Böhringer, Comunità Evangelica Luterana Daniele Spero, Segretariato Attività Ecumenich

Informazioni aggiuntive

  • Luogo: Comunità Evangelica Luterana Venezia - Campo Ss. Apostoli, 4448 (ex Scuola dell’Angelo Custode)
  • Data: DOMENICA 16 NOVEMBRE 2014 alle ore 17:00
Torna in alto