Menu

L'Europa dell'Est imita Trump: «Ambasciate a Gerusalemme». Gerusalemme, dieci Paesi con Trump

L'Europa dell'Est imita Trump: «Ambasciate a Gerusalemme». Gerusalemme, dieci Paesi con Trump

Potrebbero già essere dieci i Paesi che stanno seguendo le tracce del Guatemala sulla strada dello spostamento dell’Ambasciata da Tel Aviv alla capitale di Israele, Gerusalemme.

L'ha detto la viceministra degli Esteri Tzippi Hotovely durante un'intervista alla radio. E dato che fra questi Paesi sembra ci siano anche Romania, Slovenia, Repubblica Ceca, appare poco previdente l'affermazione di Federica Mogherini che sprezzantemente ingiunse a Netanyahu di non cercare approvazione per Gerusalemme capitale nell'Unione Europea, perché non ne avrebbe mai trovata.

I Paesi che si avviano, dopo aver votato contro la mozione israeliana o dopo essersi astenuti, a trasferire l'Ambasciata seguono la traccia del Guatemala, uno dei nove Paesi che hanno votato contro la maggioranza automatica; 38 si sono astenuti, 21 assenti. C'è spazio. Il Guatemala ha una lunga tradizione cristiana di amicizia con Israele e buone ragioni pratiche per avviare lo spostamento dell'Ambasciata: un misto che potrebbe essere condiviso da molti Paesi, insieme al desiderio di non schierarsi testa a testa contro gli Stati Uniti. Novità assoluta nella storia dei frequenti voti anti-israeliani e anti-americani, Nikky Haley ha chiarito, diritta e fiera, che di questo si tratta: integrità e buon uso del denaro. Un difficile binomio da digerire per il mondo moderno, ma che caratterizza fino ad ora l'atteggiamento all'ONU, col ritiro dall'UNESCO e adesso, con un taglio dei fondi del contribuente americano. Il discorso di Haley, sul terreno morale, prosegue la linea storica inaugurata a suo tempo da Daniel Patrick Moynihan quando nel 1975 dopo il voto dell'ONU "sionismo uguale razzismo" non nascose tutto il suo disgusto. Haley ha dichiarato l'ONU disonorato dal voto su Gerusalemme, e ha aggiunto: "non aiutate nè la democrazia nè la libertà". Tuttavia da allora, con alterne vicende, l'ONU ha seguitato a farsi gioco dei due Paesi tramite maggioranze automatiche islamiche o "non allineate", ricevendo al contempo una quantita di aiuti in forma soggettiva e per l'organizzazione in generale.

Adesso il presidente Trump ha annunciato per ora il ritiro di una somma relativamente piccola, 285 milioni di dollari sul bilancio 1918-19. Il budget americano è il 22 per cento di quello di tutta l'ONU, e tutto insieme lo si può calcolare a 8 miliardi. Una somma troppo grande per ricavarne solo schiaffi e ingiurie da parte di Paesi violatori seriali di diritti umani, sostenitori del terrorismo. Continua a leggere su FiammaNirenstain.com

Torna in alto