Menu

Pence al Knesset

Pence al Knesset

Il 22 gennaio 2018, il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, ha parlato a tutto la Knesset israeliana. Proprio all'inizio del meeting un gruppo di membri della Knesset, identificati come palestinesi o estremisti di sinistra, è scoppiato in una protesta rumorosa e sono stati scortati fuori dall'edificio. Lo stile comunicativo di Pence era formale e gentile (contrariamente al suo Presidente). Ha fatto riferimenti alla Bibbia in qualche modo ripetutamente durante l'indirizzo dei 30 minuti. Alcuni commentatori israeliani hanno persino affermato di parlare più come un cristiano evangelico che come un politico, il che è parte di ciò che ha reso l'intera interazione straordinaria. Ha iniziato affermando Gerusalemme come la capitale di Israele e il supporto costante dell'America. Ha parlato del popolo ebraico come del "popolo del libro" e degli Stati Uniti come riflesso nei pensieri dei "padri fondatori" cristiani. Parlava di Gerusalemme come il sito del Moriah di Abramo e del regno di Davide, riflettendo di nuovo un discorso nato da valori basati sulla fede più che semplici "politici". Ha anche parlato dell'impegno nei negoziati sul processo di pace, compresa una potenziale soluzione a due stati. Ha detto che si stanno formando nuove alleanze in Medio Oriente, come l'Egitto e l'Arabia Saudita che collaborano con gli Stati Uniti contro l'aggressione iraniana. Mentre ha impegnato gli Stati Uniti nel combattere contro il regime di sostegno del terrore in Iran, ha chiamato le "persone buone" iraniane ad essere amici. La risposta dei membri della Knesset è stata complessa. Come accennato, un piccolo contingente ha protestato. Tutti gli altri erano stupiti dal grado di supporto e di affermazione che stavano ascoltando. La sinistra moderata si rallegrava per il sostegno ancora diffidente nei confronti di un programma così profondamente conservatore. Gli ebrei ultra-ortodossi e religiosi erano anche contenti del suo sostegno, ma diffidavano del fatto che stesse parlando come un devoto credente in Gesù. Tutto sommato l'effetto di un discorso così raffinato, basato su valori fortemente evangelici, che supporta Israele da una visione del mondo biblico, pronunciata prima dai membri della Knesset ebraica, rappresenta un livello di amicizia e testimonianza mai visto prima, poiché questa nazione raggiunge il suo settantesimo anno.

Torna in alto