Menu

Delegazione di EDIPI per festeggiare il 70° Anniversario di Israele

Una delegazione di Evangelici d'Italia per Israele accompagnata dal pastore Antonio Izzo di Napoli, socio EDIPI, festeggerà il 70° anniversario di Israele con la congregazione del Pastore Micki Yaron di Rishon Le Tzion (letteralmente i primi di Sion) con cui sono gemellati da anni. Il tour del 70° è dal 23 di aprile al 1° di maggio e il 29 di aprile si aggregheranno con l'eventi in Har Hevron.
Leggi tutto...

EC4I celebra il 70° anniversario della nascita di Israele a Copenaghen

COMUNICATO STAMPA ECI celebra il 70° anniversario della nascita di Israele a Copenaghen - Appello ai governi europei perché celebrino il miracolo di Israele *Copenaghen, 20 aprile 2018 *– La Coalizione Europea per Israele ha festeggiato il 70° anniversario della rinascita dello stato d’Israele con due eventi, a Copenaghen ed Helsinki. A Copenaghen il direttore fondatore di ECI Tomas Sandell ed il consulente legale di ECI Andrew Tucker hanno parlato al simposio all’interno del parlamento nazionale ed hanno esortato i governi europei a riconoscere in modo corretto e a celebrare il miracolo del moderno stato ebraico. Nel suo discorso, Sandell…
Leggi tutto...

Israele, terra d'amore

Le celebrazioni per i 70 anni d'Israele hanno spinto una nostra sorella in fede a spedirci per l'occasione una sua composizione, che volentieri pubblichiamo. Di Carmela Palma (mamma del fotoreporter, creatore del sito Edipi e socio EDIPI, Nazario Melchionda) Quando ho visto Gerusalemme per la prima volta, i miei occhi hanno pianto di gioia...La citta' del Gran Re! E il deserto? La sua bellezza mi ha lasciato senza fiato! In quei momenti ho respirato l'aria eterna: passato, presente e futuro in un fazzoletto di terra: Eretz Israel! I raggi dorati del sole erano brillanti sulla terra e sul mare tutto…
Leggi tutto...

CORSO ISRAELOLOGIA-2A GIORNATA

EDIPI- EVANGELICI D’ITALIA PER ISRAELE-CORSO DI ISRAELOLOGIA-2° INCONTRO Eccoci puntuali all’appuntamento relativo al 2° incontro di “Israelologia” programmato per oggi 14 Aprile 2018 a cura del Pastore Ivan Basana della congregazione “ The New Thing”di Padova e Presidente di Evangelici d’Italia per Israele. La porte della sede di questo incontro, svoltosi sempre presso il locale di culto della Chiesa Evangelica Ebenezer di Milano, in via Ettore Ponti, 53 curata dal Pastore Guglielmo Bianchini si sono aperte ancora una volta in perfetto orario per ricevere i partecipanti ansiosi di proseguire nella seconda parte dello studio. Ricordo che la prima giornata di…
Leggi tutto...

Leggi razziste del '38: una mostra a fumetti a Torino

Commento di Ada Treves Gli autori di fumetti, spesso considerati rappresentanti di un’arte minore, quasi una ruota di scorta culturale rispetto ad altri media e altri linguaggi, sono invece molto sensibili e attenti» dice Roberto Genovesi, direttore artistico di «Cartoons on the Bay», e ideatore della mostra 1938-2018, «Ottant’anni dalle Leggi Razziali in Italia». Il mondo del fumetto ricorda l’orrore dell’antisemitismo. ppuntamento centrale nel programma del festival internazionale della televisione per ragazzi e dell’animazione cross-mediale della Rai, che torna a Torino con un programma dedicato al rapporto tra musica e animazione, viene inaugurata oggi al Museo Le Nuove in un…
Leggi tutto...

Israele 70: buon compleanno a un Paese-laboratorio unico al mondo

Analisi di Claudio Vercelli RICORDIAMO CHE IL PROF. CLAUDIO VERCELLI E' STATO UN NOSTRO RELATORE NEL RADUNO NAZIONALE EDIPI " AMALEK NON E' MORTO: DALL'ANTISEMITISMO ALL'ANTISIONISMO" DI TORINO NEL 2013 CON LA REALZIONE "UNA PERVICACE COSTANZA: IL PARADIGMA ANTISEMITICO NELL'ETA' DELL'ANTISIONISMO MILITANTE La forza d’Israele, a settant’anni dalla sua costituzione in Stato, sta nell’essere non una nazione inventata, ma un popolo che ha saputo reinventarsi. Non è una formula schematica né, tanto meno, una frase fatta. Dentro la breve, giovanile e vivacissima storia di una comunità politica nazionale che ha già affrontato un grande numero di prove, c’è infatti il…
Leggi tutto...

Revive Israel:Un nuovo livello di profezia

Ministero con una visione di risveglio in Israele e nelle Nazioni Un nuovo livello di profezia di Asher Intrater Il concetto di profezia si è sviluppato gradualmente in tutte le Scritture. I primi patriarchi hanno avuto molti incontri profetici diretti con Dio. Anche Mosè portò l'esperienza profetica ad un livello superiore e divenne il "padre" dei profeti. Mosè pregò affinché tutto il popolo di Dio fosse in grado di profetizzare e ricevere lo Spirito Santo (Numeri 11:29), ma questa preghiera fu esaudita solo all'effusione dello Spirito Santo alla Pentecoste / Shavuot. Le profezie di Mosè raggiunsero il culmine alla fine…
Leggi tutto...

Cosa c’è dietro alla marcia di Gaza

Analisi tratta dal Times of Israel Giusto nel caso qualcuno se ne fosse dimenticato, nel 2005 Israele si è ritirato unilateralmente dalla striscia di Gaza sulle linee precedenti la guerra del ’67, ha sgomberato migliaia di civili israeliani dalle loro case e ha smantellato tutte le strutture militari che aveva creato nella striscia. A Gaza non c’è più nessuna presenza fisica d’Israele e Israele non avanza nessuna rivendicazione territoriale sulla striscia di Gaza. Giusto nel caso qualcuno se ne fosse dimenticato, Hamas, un’organizzazione islamista terroristica che mira dichiaratamente alla distruzione di Israele, ha preso il potere a Gaza nel 2007…
Leggi tutto...

Il nuovo asse imperialista riunito per spartirsi la Siria

Il Giornale, 05 aprile 2018 E' davvero la nemesi di ogni processo di pace il fatto che le sciagure della Siria e la sua risoluzione siano finite ieri nelle mani del gatto, Tayyip Erdogan, la volpe, Hassan Rouhani e il padre nobile, Vladimir Putin. Che foto opportunity, il mondo del nuovo imperialismo in una sola foto. Il loro incontro ad Ankara ieri ha disegnato una soluzione un coacervo di interessi acuti e contrastanti, e una volontà evidente di spartizione. Il tutto, segnato dalla bambinesca soddisfazione, peraltro autorizzata dal grande assente, che l'America di Trump sia fuori dal giuoco, errore che…
Leggi tutto...

“Ero un moccioso terzomondista, poi conobbi Israele”

di Guglielmo Maccioni Riceviamo e pubblichiamo da Guglielmo Maccioni Ero un moccioso terzomondista. Correva l’anno 1988, ero un moccioso liceale con un bel paio di occhiali manichei sul naso. Ero semplicisticamente convinto che il mondo si dividesse in buoni e cattivi e che i primi fossero quasi sempre i più poveri. Quando iniziò la Prima Intifada fu facile scegliere da che parte stare, troppo calzanti nel ruolo di cattivi quei Merkava d’acciaio teneramente ronfanti sotto la pioggia di sassi lanciati dai poveri giovani palestinesi. Intifada vincerà! si gridava nei cortei. Poi ci annoiò pure quella guerriglia lontana la cui eco…
Leggi tutto...

Il Giro d’Italia 2018 nel cuore di Israele, tra mare e deserto

Abbiamo percorso (in bici) le prime tre tappe della Corsa rosa che partirà da Gerusalemme il prossimo 4 maggio: un viaggio nella memoria tra panorami mozzafiato di Lorenzo Cremonesi, inviato a Eilat L’inizio è subito storia. Memoria ricca, densa, fatta di pietre e muri centenari, testimoni per nulla muti con incisi i segni delle schegge e le pallottole di guerre antiche e moderne, assieme al protrarsi di tensioni acute, che durano tutt’ora. Era inevitabile, visto che la prima tappa del 101° Giro d’Italia, delle tre che tra un mese esatto si correranno in Israele, parte proprio dal cuore di Gerusalemme.…
Leggi tutto...

Scontro Hamas-Israele: l’ombra del Sultano dietro l’uso delle masse?

Venerdì scorso abbiamo assistito ad un radicale cambio di strategia da parte dei palestinesi di Gaza, ed in particolare di Hamas. Non potendo più ricorrere liberamente e con successo ai razzi ed ai missili, essendo sempre più lontani dalle posizioni dell’Egitto laico di El Sisi, cercando sponda nell’Iran teocratico e nella Turchia neo-ottomana, i vertici di Hamas hanno deciso di usare le masse contro Israele. Sì, le masse come ai tempi delle grandi carneficine della Prima guerra mondiale, quando migliaia di uomini venivano mandati incontro a morte certa simultaneamente, per conquistare pochi metri di trincee. Oggi non siamo più nel…
Leggi tutto...

Qualche piccola riflessione sulla ‘marcia’ di Gaza, in attesa della prossima puntata

Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli Cari amici, non bisogna smettere di fare attenzione alla situazione a Gaza, perché non è affatto finita. Hamas continua con piccole provocazioni quotidiane, ma la prossima azione massiccia è annunciata, come al solito, per venerdì, con vari trucchi nuovi, come specchi (http://www.israelhayom.com/2018/04/03/palestinian-protesters-use-mirrors-in-attempt-to-blind-idf-troops/) e altri dispositivi per accecare i soldati israeliani che difendono il confine (https://www.israelnationalnews.com/News/News.aspx/243984). Questo proposito, apertamente dichiarato dai dirigenti di Hamas, dovrebbe far riflettere per almeno tre ragioni. Continua a leggere su informazionecorretta

News Letter da Amzi 4 aprile 2018

Mail di preghiera e informazione della amzi associazione per la testimonianza messianica a Israele amzi, 04. aprile 2018 1. Contro l'avversario invisibile 2.Giubileo in Beit Yedidia 3. Saluti dal Monte Carmelo 4. Link della settimana, appuntamenti modulo d'ordine 1. Contro l'avversario invisibile Joseph Shulam, Netivyah Ministero di Istruzione biblica, Gerusalemme Netivyah ha distribuito ai soldati credenti che servono nelle forze armate israeliane, regali molto speciali. Il regalo di quest'anno è stato un set di alta qualità per fare il caffè, composto da un fornello a gas, una pentola piccola, una tazza di metallo e un contenitore per lo zucchero e…
Leggi tutto...

Gaza. Ma nessuno dice che il loro obiettivo è sterminare gli ebrei

Il Giornale, 01 aprile 2018 Il rischio che la "Marcia del ritorno" di Hamas diventi terrorismo di massa e guerra sta diventando concreta; tutto il mondo sa che questo è lo scopo sociale stesso dell'Organizzazione insieme alla morte degli ebrei e la conquista dell'Occidente, sa che qui, con le marce di massa, siamo di fronte a una svolta strategica che è una scintilla terrorista nel pagliaio del Medio Oriente. Ma l'ONU di nuovo biasima Israele alleandosi nel suo sport preferito, anche se stavolta senza riuscire a raggiungere una condanna: però Antonio Guterres, il Segretario generale, non fa mancare la richiesta…

In Europa lo spettro della Shoah

Il Giornale, 28 marzo 2018 L'ultima notizia è insopportabile: a Parigi una donna ebra di 85 ann i, Mireille Knoll, sopravvissuta alle deportazioni franco-naziste degli anni '40, è stata uccisa a coltellate da un giovane musulmano che la donna conosceva da quando era piccolo. L'omicidio antisemita si affaccia inaspettato quando Ilan Halimi, un ragazzo parigino viene sequestrato nel 2006 da un gruppo di giovani islamici che in una casa della banlieue lo torturano a morte leggendo il Corano senza che la polizia cerchi nella direzione di un attacco antisemita. Anche adesso seguitano i tentennamenti, sembra, forse... L'ultimo attacco antisemita ha…

Notizie di Tehilat Yah

Ricordiamo che Micky Yaron è stato invitato per il ns. Raduno Nazionale di giugno. Tra breve segnaleremo le date e la soluzione logistica. Cari amici vi salutiamo cordialmente con le nostre nuove notizie... Shalom Michael e Marianne 10th Anniversary.mp4 <https://eur02.safelinks.protection.outlook.com/?url=https%3A%2F%2Fdrive.google.com%2Ffile%2Fd%2F1dcXuZtLcKKW2Wr7nHD_cZwMSkCZ7VNM0%2Fview%3Fusp%3Ddrive_web&data=02%7C01%7C%7C8fe43cbd7f8a4c143a6f08d571a46e1d%7C84df9e7fe9f640afb435aaaaaaaaaaaa%7C1%7C0%7C636539873384341411&sdata=iNiMIXwvnUnhs4IjVtLVp09lwp4HehEJ8b6iuGtqvR8%3D&reserved=0><https://eur02.safelinks.protection.outlook.com/?url=https%3A%2F%2Fwww.avast.com%2Fsig-email%3Futm_medium%3Demail%26utm_source%3Dlink%26utm_campaign%3Dsig-email%26utm_content%3Dwebmail%26utm_term%3Dicon&data=02%7C01%7C%7C8fe43cbd7f8a4c143a6f08d571a46e1d%7C84df9e7fe9f640afb435aaaaaaaaaaaa%7C1%7C0%7C636539873384497664&sdata=6JV3XpuSTGKw5Q2SfPY10hPDFSkwtrtOyMt2UhF7AU8%3D&reserved=0> Virus-free. www.avast.com <https://eur02.safelinks.protection.outlook.com/?url=https%3A%2F%2Fwww.avast.com%2Fsig-email%3Futm_medium%3Demail%26utm_source%3Dlink%26utm_campaign%3Dsig-email%26utm_content%3Dwebmail%26utm_term%3Dlink&data=02%7C01%7C%7C8fe43cbd7f8a4c143a6f08d571a46e1d%7C84df9e7fe9f640afb435aaaaaaaaaaaa%7C1%7C0%7C636539873384497664&sdata=wdeNHlEHDHIkVwZGi7kZJ8%2F7w0%2FrdkX5FVO1M2Gl7s0%3D&reserved=0> 
Leggi tutto...

EVENTO ETTORE CASTIGLIONI: SECONDA FASE

"Benedirò quelli che ti benediranno e maledirò chi ti maledirà"; questo è il testo di Genesi 12:3 che citiamo sempre nei confronti di quanti agiscono a favore degli ebrei e chi invece non lo fa. La vicenda umana di Ettore Castiglioni, alpinista, partigiano, pianista e scrittore, morto in circostanze misteriose dopo aver salvato decine di persone, tra cui molti ebrei non rappresenta un paradigma calzante a tal riguardo: si impegna a benedire gli ebrei fino a salvar loro la vita ma lui la perde. Ecco in breve la sua storia. Nel 1943, dopo l'Armistizio dell'8 settembre, Ettore Castiglioni si trovò…
Leggi tutto...

Una bellissima serata

Inoltriamo il comunicato stampa di Keren Hayesod, trasmessoci dal presidente Andrea Jarach, ricordando che la delegazione EDIPI era presente con il socio fondatore Corrado Maggia, unitamente alla moglie Anna Bosio, oltre al presidente Ivan Basana accompagnato dal figlio Alex. Nell'occasione è stato consegnato il solito contributo annuo e si è avuta l'opportunità di illustrare il progetto Har Hevron con il GM di Keren Hayesod Dani Viterbo, il programma del viaggio di archeologia biblica nel Neghev con Carmel Luzzatti e l'organizzazione dell'evento di Milano su Ettore Castiglioni con il presidente della comunità ebraica di Milano Milo Hasbani. Cari amici di Israele,…
Leggi tutto...

News Letter da Amzi 14 marzo 2018

Mail di preghiera e informazione della amzi associazione per la testimonianza messianica a Israele amzi, 14 marzo 2018 1. Da Al-Qaida al Dio vivente 2. Voglio credere 3. Mi prende di nuovo in giro? 4. Attenzione ottenuta mediante Internet 5. Link della settimana 1. Da Al-Qaida al Dio vivente “One for Israel” Carlos, che guida il nostro dipartimento di evangelizzazione araba, ha conosciuto un uomo che è cresciuto in una famiglia sunnita in Siria e che è diventato rapidamente un musulmano molto radicale. È stato un giudice della Sharia e si è unito ad al Qaeda. In carcere, scontando una…
Leggi tutto...