Menu
Redazione Edipi

Redazione Edipi

URL del sito web:

'Il grande giorno' di Gerusalemme. Ma a Gaza è rivolta: strage di palestinesi

(Gerusalemme) Fare storia: il popolo ebraico è specializzato in questo s

oggetto specialmente quando si tratta di Gerusalemme. David, Salomone, i babilonesi, gli antichi romani, i greci, e poi di nuovo gli ebrei. La lotta è stata dura per il popolo ebraico. Ma ieri è stato un altro grande giorno per l'antichissimo popolo di Israele e la sua capitale dove tutto è successo. E, nonostante il palcoscenico fosse girevole e l'attenzione collettiva si spostasse spesso sul confine con Gaza dove ci sono stati 55 morti e più di 2.700 feriti (il vicino Egitto ha aperto i suoi ospedali per curarli e gli Emirati hanno sbloccato 5 milioni di dollari), ieri il quartiere modesto e lievemente remoto di Talpiot ha fatto storia. Qui si trova l'ex consolato degli Stati Uniti, da ieri Ambasciata Americana a Gerusalemme. A dicembre Trump l'ha stabilito, solo cinque mesi dopo l'ha realizzato, come ha detto il suo genero Jared Kushner, con puntualità e coraggio inedito. Ivanka Trump ha scoperto la nuova insegna blu con lo stemma e il nome del presidente Trump inciso per i posteri nella pietra di Gerusalemme. Con lei il Segretario al Tesoro Steven Mnuchin, un vero alter ego del presidente.

Continua a leggere su fiammanirenstein.com

 

Grazie all'America la realtà ha vinto sulla propaganda", l'intervista di Fiamma Nirenstein al generale Yossi Kuperwasser

"Sta Scritto" di F. Canetti e M. Cicchese

TORINO 8-9 GIUGNO: PRESENTAZIONE DEL LIBRO SULLE PARASHOT "STA SCRITTO" DI F.CANETTI E M.CICCHESE, IN OCCASIONE DEL CONVEGNO EDIPI SULLE FESTE EBRAICHE "Sta Scritto": le parashot settimanali in un coloquio interpretativo tra un ebreo e un evangelico

Non poteva esserci occasione migliore del convegno EDIPI-Torino sulle Feste Ebraiche per presentare in anteprima l'originalissima opera scritta a 4 mani da un ebreo e un evangelico. Il dr. Fulvio Canetti ebreo di Gerusalemme si è alternato con il prof. Marcello Cicchese nella stimolante particolarità del diverso orientamento dei due autori al testo biblico pur riconoscendone il comun denominatore all'autorevolezza della Parola di Dio.

Da questo singolare colloquio interpretativo nasce la possibilità di stimolare un nuovo approccio, magari più ebraico, alla Parola di Dio.

L'appuntamento è per l'8 e 9 giugno a Torino per l'occasione del convegno EDIPI sulle Feste Ebraiche (Gospel House, v. Druendo 274, Torino-Venaria Reale - info 3395819233) con la presentazione del libro da parte degli autori e l'ovvia dedica a quanti interessati.

CONVEGNO SU "ANTISEMITISMO OGGI"- UDINE

Sarà un convegno di grande interesse perché i relatori sono i maggiori saggisti e pensatori viventi sulla questione del ruolo della Chiesa nell’antisemitismo moderno (in calce trovate la locandina con il programma dettagliato). Chi può essere a Udine il 29 maggio non perda questa opportunità straordinaria. Per capire la nascita dell’antisemitismo nella sua forma moderna, che divenne impetuoso e feroce proprio quando l’antigiudaismo tradizionale pareva esaurito e quasi spento, occorre partire dal fatidico 1870, quando nella Parigi sconfitta e umiliata dai Tedeschi presero il potere i Comunardi, instaurando un regime di terrore che in pochi mesi assassinò migliaia di parroci e prelati, in nome del potere popolare e dell’uguaglianza sociale. Fu un trauma che spinse le élite sia politiche sia religiose a sviluppare politiche di avvicinamento alla ‘classe operaia’, opere di sostegno ai poveri e ai bisognosi.

In allegato il programma

 

70° Anniversario della Fondazione dello Stato di Israele - Milano

Si è svolta oggi domenica 13 maggio alle h. 18 presso l’aula magna della scuola ebraica di Via Sally Meyer a Milano, la festa organizzata da Keren Hayesod in occasione del 70° anniversario della fondazione dello Stato di Israele.

Non potendo partecipare il presidente di Edipi Ivan Basana, impegnato a Venezia, era comunque presente una piccola delegazione.

Presenti molte autorità tra cui il Presidente delle Comunità Ebraiche di Milano, il sindaco di Milano, il Presidente di Amici di Israele, il responsabile della Brigata Ebraica e vari rappresentanti delle Forze dell’ordine.

La serata è iniziata con la proiezione di un breve ma ricco filmato degli avvenimenti accaduti in questi 70 anni, ponendo enfasi sui molteplici successi e primati ottenuti nei vari campi fra i quali quello medico, scientifico, tecnologico, di ricerca e sviluppo. Un prolungato applauso è seguito quando si è ricordata l’importanza della giornata storica di domani, 14 maggio 2018, nella quale gli Stati Uniti d’America riporteranno la loro Ambasciata nella città di Gerusalemme.

Promosso da Keren Hayesod è stato presentato inoltre un progetto di coesistenza dal nome Net@, finalizzato per i giovani che si impegnano in attività sociali per aiutare gli altri; ebrei cristiani e musulmani imparano insieme.

Con l’inno nazionale Italiano e Israeliano che hanno fatto da preludio al ricco cocktail, come sempre abilmente preparato per tutti i partecipanti si è conclusa la prima parte della serata.

La seconda parte si è aperta con una tavola rotonda dal tema “Israele 70, nuovo stato nuovi stati d’animo”.

Am Israel Chai

Ornella Calasso

Sottoscrivi questo feed RSS