Menu
Romy Pozo Quintana

Romy Pozo Quintana

URL del sito web:

Romy a Sar-el quinta settimana - VIII° dispaccio

Con scadenze settimanali pubblicheremo le impressioni di Annalisa e Romina, recatesi in Israele con il programma di Sar-El.
Le relazione saranno pubblicate così come ci arrivano, quasi fossero dei dispacci dal fronte, rendendo efficacemente l'emozione di un'esperienza unica nel suo genere.

 

Cari fratelli,
Inizia un'altra settimana al Sar-el, e qui  si inizia il lavoro la
Domenica, siamo arrivati alle 13, mangiato e poi messi all'opera subito,
con Annalisa in tanto che lavoravamo, parlavamo ricordandoci della
giornata di ieri di quanto sia stato bello, di come il Signore ha
restaurato lo spirito e ci ha dato le forze per continuare nelle lotte
quotidiane. finito il lavoro eravamo nelle nostre stanze, pronte per la
doccia, quando abbiamo sentito l'allarme, la Matricha Maya ci ha detto
di uscire, ho cominciato a chiamare Annalisa, non ero preoccupata, anzi
ero tranquilla, ma la risposta di Annalisa mi fece ridere , "ma mi devo
fare la doccia, non possono aspettare? Almeno prima mi faccio la doccia"
tutti allertati e lei tranquilla, questo è solo il coraggio che ci da
Abba, la certezza che siamo sotto le sue ali, e che non dobbiamo temere
le tempeste. Dopo ci hanno informato di non preoccuparci perché sono in
addestramento e che durerà tutta la settimana, allora ho pensato, bene
cosi Annalisa potra farsi la doccia tranquilla.
Nella attività serale, ci siamo ripresentati visto che Inbar non c'è
perché un po' delicata di salute, e al suo posto c'e Maya, Annalisa ed
io alla fine serata ci siamo sedute nel gazebo a chiacchierare con Dirk
e Renate di come sono diverse le basi, infatti nel programma precedente
le Matricha erano molto più alla mano, qui cambiano di continuò, be'
pazienza, come si dice la pazienza e la virtù del forte.
Lunedì la giornata è trascorsa come al solito, alla sera si è parlato
della storia della festa del Hannuka. Dopo i ragazzi si sono riuniti a
una festa Karaoke, Annalisa ed io abbiamo preferito guardare le news in
TV, dopo siamo andati a nanna, ma non si riusciva a dormire perché
purtroppo è successo qualcosa fra i soldati perche si sentiva sbattere
muri e porte, infatti ci hanno informato il mattino dopo che c'e stata
una  rissa fra soldati, al mattino seguente erano in punizione, si sono
scusati per questo. Onestamente non so se non riuscivo a dormire per il
rumore oppure c'era qualcosa altro, ho chiesto al Signore di farmi
capire. Il Mattino di Martedi, intanto che assistevamo
alll'alzabandiere, abbiamo avuto delle rivelazioni, cosi abbiamo deciso
di pregare, e ogni momento che potevamo ci siamo fermate e pregavamo e
per questo ringrazio il Signore perché ci parla, e noi siamo felici di
fare la sua volontà. E cosi siamo riusciti a pregare in ogni posto
possibile, ci siamo ricordati che Rosabianca, ci ha detto che cosa vuol
dire Shimmshom, Sansone, il nome  della base e abbiamo capito che qui
c'è lo spirito di seduzione di Dalila molto forte, lo spirito dei
filistei, infatti  Annalisa mi ha parlato della giornate di preghiere
che si tengono in Israele (Pro Life) e di come in Israele ci siano molti
aborti proprio in mezzo ai soldati
Abbiamo collegato anche i sogni fatti i giorni prima, e cosi abbiamo
proclamato la Vittoria dell'Altissimo, é stata una giornata particolare,
ma gioiosa, perché stare in comunione con YHWH ti rallegra il cuore.
Nella attivita serale, si è parlato della guerra dello Yom Kimpur.
Mercoledì ho visto tanta differenza nella base anche KIRA era diversa,
ho approfittato per parlargli nel mio poco Inglese, dopo insieme ad
Annalisa li abbiamo detto che continuiamo a pregare per lei, al che si è
commosa, ho visto che dopo le preghiere di Martedì, alcuni muri sono
caduti, perciò continuiamo con le preghiere, cosi continueremo a
proclamare la Vittoria del Signore. La giornata è quasi finita, e nelle
pause abbiamo continuato con le preghiere, durante la pausa dopo il
lavoro, in stanza sentivo Sussana che parlava con Annalisa,  Annalisa
era sul campo di battaglia e mi ha detto inizia a intercedere al che gli
ho chiesto cosa sta dicendo? E mi sono sorpresa della risposta, "Che gli
ebrei sono stati rigettati per la disubbidienza, e che siamo noi i nati
di nuovo il Suo popolo.  Questa terra, Israele  é sua perche suo padre
era Abraahamo, e altre teologie che preferisco non dire, quando Annalisa
le disse di leggere Romani 11, lei ha risposto che lei li aveva chiesto
a Yeshua in ginocchio, piangendo, le rivelazioni, al che mi è venuto da
dirgli alcuni versi della bibbia, ISAIA 14:1 "Poiché l'Eterno avrà pietà
di Giacobbe, sceglierà ancora Israele, e li ristabilirà sul loro suolo;
lo straniero s'unirà ad essi, e si stringerà alla casa di Giacobbe".
Anche ISAIA 54:7-10 "Per un breve istante io t'ho abbandonata, ma con
immensa compassione io ti raccoglierò. In un accesso d'ira, t'ho per un
momento nascosta la mia faccia, ma con un amore eterno io avrò pietà di
te, dice l'Eterno, il tuo redentore. Avverrà per me come delle acque di
Noè; poiché, come giurai che le acque di Noè non si spanderebbero più
sopra la terra, così io giuro di non più irritarmi contro di te, e di
non minacciarti più. Quand'anche i monti s'allontanassero e i colli
fossero rimossi, l'amor mio non s'allontanerà da te, né il mio patto di
pace sarà rimosso, dice l'Eterno, che ha pietà di te". Ma dopo un po'
abbiamo deciso di andare a cena, anche perché e meglio evitare contese.
Al rientro ci siamo messi a pregare, cosi che Abba la illumini con la
sua verità, bisogna che quando cerchiamo  Yeshua gli apriamo
completamente il cuore come dice la sua parola, I CORINZI 2:9 "Ma, com'è
scritto: Le cose che occhio non ha vedute, e che orecchio non ha udite e
che non son salite in cuor d'uomo, son quelle che Dio ha preparate per
coloro che l'amano". Nella attività serale abbiamo cantato l'inno
Hativka, salutato 2 membri del gruppo che ci lasciano Darren e Linda, ma
ci siamo scambiati i contatti. Adesso dobbiamo andare a nana e
prepararci per domani, si va in gita!. Giovedì, giornata per me
stupenda, sopratutto dopo le certezze che Abba ti da, ho fatto un sogno
molto bello, ho capito che dopo la tempesta c'e la calma, ho visto nei
miei sogni, che eravamo insieme con questo gruppo, del vino versato e
che Annalisa, Paolo ed io abbiamo attraversato il mare, che era cosi
cristallina, calma, una sensazione molto bella, appena sveglia l' ho
raccontato ad Annalisa, abbiamo capito che il vino,  é il sangue
versato da Yeshua, e noi siamo coperti col suo sangue, e niente ci puo
toccare, la calma dopo la tempesta é il fatto che dopo la prima
settimana che abbiamo affrontato qui, con delle lotte spirituali, la
Vittoria è avvenuta e solo grazie a Yeshua, e infatti questa mattina ho
visto dei cambiamenti, in tutti, tanta gioia, ad Annalisa e me ci
facevano dei complimenti di quanta gioia trasmettiamo, che siamo sempre
tranquille e contente, Eigel ci ha detto vedervi illumina la giornata,
Gloria a YHWH!, conferma che i figli dell'Altissimo portano la luce,
adesso ci stiamo avviando verso Cesarea, e sono certa che la giornata
sarà benedetta, per il momento questo e quello che ho da raccontarvi, e
vi lascio una Parola vivente, PROVERBI 2: 5_ 8 "Allora intenderai il
timor dell'Eterno, e troverai la conoscenza di Dio. Poiché l'Eterno dà
la sapienza; dalla sua bocca procedono la scienza e l'intelligenza. Egli
tiene in serbo per gli uomini retti un aiuto potente, uno scudo per
quelli che camminano integramente, affin di proteggere i sentieri della
equità e di custodire la via dei suoi fedeli".

 

Quarto Weekend in Israele di Romy VII° dispaccio

Con scadenze settimanali pubblicheremo le impressioni di Annalisa e Romina, recatesi in Israele con il programma di Sar-El.
Le relazione saranno pubblicate così come ci arrivano, quasi fossero dei dispacci dal fronte, rendendo efficacemente l'emozione di un'esperienza unica nel suo genere.

 

Pace fratelli,
Questo fine settimana é molto bello, ci e venuto a prendere Rosabianca,
me, Annalisa e Paolo a Tel aviv, siamo andati a Merchavim, nel Neghev,
abbiamo conosciuto il Sindaco, e approfittato di farci le foto,abbiamo
conosciuto anche Miriam titolare della coltivazione dei Carciofi,
abbiamo visto i carciofi in piena crescita, per me e una grande gioia
vivere personalmente le promesse date da Dio, Isaia 35:1
"Il deserto e la terra arida si rallegreranno, la solitudine gioirà e
fiorira come la rosa". Siamo andati Ber sheva, abbiamo pregato, la cosa
bella é quando con i fratelli preghi con pari sentimento, l'Altissimo si
fa sentire e ti fa capire che ascolta la  tua causa, Geremia 33:3
"Invocami, e io ti risponderò, ti annunzierò cose grandi e impenetrabile
che tu non conosci". Siamo andati anche ad Arad e anche qui abbiamo
pregato, come ci chiede il Signore, per la giustizia del bisognoso, per
le autorità e le porte si aprano per i suoi figli, DEUTERONOMIO 16:20
"La giustizia, solo la giustizia seguirai, affinché tu viva e possegga
il paese che l'Eterno, il tuo Dio, ti dà". Ci siamo anche fermati a
mangiare al calare del tramonto e abbiamo fatto l' inizio dello Shabbat,
é stato molto bello per me questa é la seconda volta, ma ho sentito
gioia nel cuore come fosse la prima, anche in questo Abba mi dona tanta
gioia, purtroppo la giornata é finita e dobbiamo tornare ai nostri
alloggi, facciamo come cenerentola visto che a mezzanotte chiudono le
porte. Mi sarebbe piaciuto stare ancora con i fratelli, Dio vorra che
anche domani continuiamo a renderli tutti gli onori e lode che li
appartengono. Sabato sono contenta perché anche oggi stiamo tra fratelli
(Paolo, Annalisa ed io), è venuta a prenderci Rosabianca siamo andati
alla chiesa messianica Kehilat-hamaayan, erano contenti perché gli
Italiani cominciano a venire per unirsi e pregare per le Nazione,
settimana scorsa eravamo solo noi 3, questa settimana si e aggiunto il
quarto, Paolo, e sono certa che il Signore fara si che Italia abbia un
grande risveglio, e possa arrivare anche la benedizione, c'erano anche
altre nazioni India, Sri-lanka, Francia, Cina, Perú che sarei io, dopo
il culto siamo andati  a casa di Rosabianca, é venuto con noi anche
Teddy, un ragazzo americano di origine ebraiche, suona un po
d'istrumenti (Piano, Arpa, chitarra) e canta, ho visto come suona con
sentimento, con gioia al Signore lo loda, glorifica e bello vedere
questo amore. Annalisa ha preparato le penne con il tonno, olive e
capperi, molto buone, Paolo l'insalata anche quella buona, e io aiutavo
in quello che c'era bisogno e certamente ho aiutato mangiando, e cosi
bello stare tra fratelli e compartire la gioia di avere lo stesso
sentimento, SALMI 133:1 "Ecco, quant'è buono e quant'è piacevole che i
fratelli dimorino assieme!" E' stata una giornata cosi bella compartendo
la parola del Signore che non c'e ne siamo accorti che era già sera, e
che purtroppo ci dovevamo lasciare, e cosi e finito il fine settimana,
che Abba continui a guidarci e usarci per la sua GLORIA, vorrei
lasciarvi con queste parole, parole con le qualle YHWH ha parlato al mio
cuore, CORINZI 2:9 "Ma, com'è scritto: Le cose che occhio non ha vedute,
e che orecchio non ha udite e che non son salite in cuor d'uomo, son
quelle che Dio ha preparate per coloro che l'amano". Benedizioni da
Israele, Shavua tov!

 

 

Romy a Sar-el quarta settimana e VI° dispaccio

Con scadenze settimanali pubblicheremo le impressioni di Annalisa e Romina, recatesi in Israele con il programma di Sar-El.
Le relazione saranno pubblicate così come ci arrivano, quasi fossero dei dispacci dal fronte, rendendo efficacemente l'emozione di un'esperienza unica nel suo genere.


 

Cari fratelli,
Inizia un nuovo programma SALMI 63:7 "Poiché tu sei stato il mio aiuto, ed io giubilo all'ombra delle tue ali":

ma  qui a Sar-el per altre tre settimane, il tempo sta passando in fretta, almeno per me,

e vorrei che rallentassero i giorni. Ci hanno portato in una base vicino alla città di Nazareth,

la nostra matricha si chiama Inbar, una ragazza
molto dolce e a quanto ho appreso parla Spagnolo, Gloria a Dio, perché
anche in questo mi da grazia, perché come ricorderete io non parlo
inglese. Ci hanno dato la divisa e poi abbiamo avuto il pomeriggio di
relax, alla sera nella attività serale ci siamo presentati,siamo 7 donne e 5 maschi,

Eigel e Criss (Norway) Darren (Scotland) Paolo, Annalisa ed io (Italia)

contemporaneamente rappresento il Perù, Sussana
e Kira (Southafrica) Ella (Finland) Dirk e Renata (Germany) Linda
(Sweden) tante nazioni insieme. Abbiamo lo stesso amore per questa
nazione, e abbiamo dato la nostra motivazione per la quale siamo qui
Annalisa ha detto come disse  il Signore in Isaia "Consolate, consolate
il mio popolo" che Israele non è solo. Io invece ho detto" perché amo
Adonai, e Adonai vi ama io e la mia casa amiamo questa terra. Mi ha
colpito molto la spiegazione di Dirk dalla Germania, lui e sua moglie
sono qui perche dopo tutto  quello che è successo con la Germania a
livello politico e storico per dire che non sono daccordo con il governo

con onore portiamo l'uniforme di Israele. La Matricha si é commossa e ci

ha ringraziato perché non si aspettava queste risposte, visto che si sentono

attaccati da tutti, incluso i media.  Continuiamo a pregare per questa terra,

perché Abba tolga la benda dai occhi e si possa vedere la verita e la realtà

di questo popolo, perche Dio ama ogni uno di noi. E questo popolo è la sua eredità.
Lunedi, dopo colazione abbiamo assistito, con grande commozione,
all'alzabandiera, dopo si e presentato il responsabile Shai, molto
gentile e ospitale, quindi siamo andati al magazzino dove ogni cosa
va riparata, qui non si butta via niente, sinceramente la giornata è stata molto lunga,

non sono abituata a lavorare al chiuso e soprattuto
seduta, e mi sono detta: " Bisogna stare attenti a quello che chiedi
al Signore". Visto che ho chiesto di non fare passare troppo in fretta
i giorni della mia partenza, ho visto che si sono aggiunti al gruppo
altri volontari, Rakel (Norway) Lukas (Repubblica ceca)  nella attività
serale ci hanno dato i (gradi del Sar-el). Cosi adesso siamo parte del
Sar-el a tutti gli effetti, abbiamo visto le notizie del Ciclone che ha
colpito Filippine, sappiamo che Israele e andato in aiuto, e noi qui
preghiamo per Filippine. In questa base c'e la Tv, e possiamo un po'
vedere quello che succede nel mondo, per poi metterci all' opera in
preghiera. Martedì non c'é stato l'alzabandiera, non sappiamo cosa sia
successo ancora, dopodiché siamo andati al lavoro, e anche oggi é stato
una giornata lunga, sempre sedute a pulire i pezzi da riparare, alle 10
e alle 15 facciamo pausa e si chiacchiera per 15 minuti, a pensarci bene

siamo gia a due passi da Mercoledì, tutto sommato i giorni stanno
correndo, e cosi ci rimangono due settimane.
Nella attività serale, hanno iniziato ad insegnarci la lingua ebraica
con un nuovo metodo; ma secondo il mio punto di vista, le altre
Matricha avevano un metodo migliore, perche ad  essere sinceri non ho
capito niente, l'unica parte divertente è stato vedere Paolo come
volontario, con da tanti pos-it per riconoscere le parti del corpo
con il nome in ebraico. Arrivate nella stanza ho visto che purtroppo
quelle che credevamo nate di nuovo, nei nostri confronti hanno un
atteggiamento Io comando tu Ubbidisci, impongono le loro regole, ma se
tu dici qualcosa sembra vuoi comandare, dico questo perche mi sono
permessa di chiedere di spegnere le luci alle 22, visto che dopo una
giornata di lavoro e visto che dobbiamo alzarci per le 6 mi sembrava
giusto chiederlo, anche perché chiacchieravano ad alta voce (Abba mi
perdoni) non pensavo si sarebbe fatto un affare di stato, ho chiesto
scusa con umiltà, e adesso prego al Signore perché vorrei la pace in
questa stanza, fino ad ieri abbiamo accettato le loro condizioni,ma
devo dire che con l'altro gruppo eravamo molto piu affiatate,
spiritualmente c'era un legame, non ho ancora capito se veramente queste

persone sono nate di nuovo, oppure e un dire credente e basta. Noto che ci attaccano

continuamente, devo solo pregare, che il Signore
ci protegga e guidi, intanto noi continuiamo a testimoniare dell'amore
di Gesù. Finito il lavoro siamo andate in stanza e nel tragitto
pregavamo perche sia Yeshua a prendere la situazione cosi da evitare
altre discussioni, sembrava tutto tranquillò finché non mi sono messa a
leggere la bibbia, ho notato che una delle persone presente era
infastidita,prego Abba perché possa toccare il cuore di questa persona,
perché so che il cuore più duro il Signore lo può cambiare. Mercoledì si è

presenziato all'alzabandiera, e poi al lavoro e cosi procede la
giornata senza nessuna novità, all'attivita serale abbiamo studiato la
geografia di Israele, dopo abbiamo appreso che anche domani si lavora,
eravamo tutti sorpresi perché normalmente si esce il Giovedì mattina,
cosi si riesce a fare un po di giri visto che Venerdì a un certo orario
chiude tutto per Shabbat, pazienza domani si finisce alle 13, dovremmo
correre visto che anche a quella ora arriva il bus. Giovedì abbiamo
presenziato all'alzabandiera e poi al lavoro, lavoro dove le ore mi sono lunghe,

visto che non sono abituata a stare seduta, ma Grazie al Signore abbiamo smesso di lavorare

alle 12 cosi siamo riusciti a prepararci per le 13, devo ringraziare Abba perché nonostante alcune difficoltà,

la Matricha Inbar, ci ha detto " voi italiani siete bravi e veloci", per noi questo é un complimento molto bello,

c'é stato detto anche, che si vede che siamo diverse dalle altre ragazze del Sar-el, che non  stiamo sempre

a chiacchierare con i ragazzi, questo ci fa capire che l'amore che Dio ha per loro viene riflesso

nel nostro comportamento, in poche parole siamo volontarie di fatto e non solo di nome.
Perciò devo solo ringraziare il Signore, perché questo ci consola nonostante le difficoltà.

Voglio bene tutti voi, siete nel mio cuore e nella mie preghiere, che Dio continui a benedirci,

vorrei ringraziare l'Altissimo con questo verso.
SALMI 63:7 "Poiché tu sei stato il mio aiuto, ed io giubilo all'ombra
delle tue ali".

 

 

Terzo weekend di Romy in Israele con uno shabbat davvero speciale

Con scadenze settimanali pubblicheremo le impressioni di Annalisa e Romina, recatesi in Israele con il programma di Sar-El.
Le relazione saranno pubblicate così come ci arrivano, quasi fossero dei dispacci dal fronte, rendendo efficacemente l'emozione di un'esperienza unica nel suo genere.

 

Cari fratelli, questo fine settimana è stato molto bello, dopo il nostro arrivo al Bet Oded, siamo andati al Carmel Market, un giro corto perché dopo la gita al Neghev eravamo un po' stanche e anche perché Venerdì dovevamo alzarci presto visto che andavamo a Kfar Sava, a trovare mia cugina, e cosi mi sono goduta un po' i miei nipoti e per la mia grande gioia c'era anche l' altra mia cugina Feige. Ci hanno accolto con una buona colazione anche se erano le 10, caffè tonno e avocato, chiacchiere e ricordi dalla nostra gioventù, a pranzo una gustosa Papa alla huancaina, ( le patate lesse con la crema leggermente piccante sopra) e un riso col pollo, un buon vino, e tante coccole dai bambini, e stato un pomeriggio divertente, Annalisa giocava con mia nipote BATEL, e io mi ero appisolata nel divano. Alle 17 è passata a prenderci Rosabianca siamo andate a casa sua dove anche li ci aspettava una cena succulente, abbiamo fatto lo Shabbat insieme e parlato del Amore di Gesù, e raccontato la nostra sperienza al Sar-el, devo dire che mi sono trovato molto bene soprattutto con la sorella Rosabianca che anche si non ci conoscevamo sembrava ci conoscessimo da una vita in conclusione il Venerdì non abbiamo fatto altro che mangiare, e chiacchierare. Sabato mattina siamo andati nella chiesa messianica Kehilat Hamaayan, lodato e glorificato a Yeshua, il nome di Gesù in ebraico, posso dirvi che mi sento bene ogni volta che ho l'opportunita di poter glorificare al Signore, ristora lo spirito. Abbiamo pranzato da Rosabianca, al pomeriggio parlato e poi pregato, dopodiché Rosabianca ci ha riaccompagnato a Tel Aviv , e cosi e finito questo weekend, sono contenta perche parlare e pregare ad Abba e un grande privilegio, l'unico intoppo che ho avuto e che mi si é rotta la montatura degli occhiali, visto che sono Miope, non vedo niente, sono la versione di Mister Magu al femminile, confido che il Signore mi possa aiutare, ha provveduto fino ad oggi e sono certa che continuerà a provvedere e guidarci in ogni cosa. Domenica eravamo pronte per andare alla nuova base, ma dopo gli occhiali adesso ho perso il passaparto, con Annalisa ci siamo messi a cercare, pregavo nella mia mente" Padre non permettere che l'avverario mi tocchi, tu non sonnecchi tu vegli suoi tuoi figli giorno e notte" ed eccolo lo abbiamo trovato.Grazie Abba, Grazie Yeshua, Grazie allo Spirito Santo che non ha permesso che entrassi in panico, ma mi ha tenuta salda nella mia fede, voglio approffitare per dirvi fratelli e sorelle miei che quando qualcosa sembra non andare nel verso giusto non ci scoraggiamo, perche siate certi che il Signore accorre in vostro aiuto, vi saluto con tutto il mio cuore, lasciandovi il SALMO 91:1_2 Chi abita al riparo dell'Altissimo riposa all'ombra dell'Onnipotente. Io dico al Signore:"Tu sei il mio rifugio e la mia fortezza, il mio Dio, in cui confido!". Shalom

 

Sottoscrivi questo feed RSS