Menu

Deprecated: Non-static method JApplicationSite::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/hm2j6jp9/edipi.net/templates/gk_news/lib/framework/helper.layout.php on line 181

Deprecated: Non-static method JApplicationCms::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/hm2j6jp9/edipi.net/libraries/cms/application/site.php on line 272
Lia Tiso

Lia Tiso

URL del sito web:

Riflessione sul congresso EDIP

Anche quest’anno siamo giunti al nostro appuntamento annuale con E.D.I.P. a Torino. I due oratori ebrei : Avner Boskey da Israele e Mike Brown dal Usa . Ci hanno illustrato il PERCHE’: Israele ebraica è odiata dall’Europa, dall’Occidente, nel Medio Oriente musulmano. Il perché, è di natura spirituale. Questo problema visto non più dall’Europa, vero Israele; ma da Israele stesso verso l’Europa , alla luce delle Scritture, la Bibbia. Il pastore messianico Avner Boskey, ci ha dato 5 punti da meditare.

1° punto: Sono il popolo che Dio ha scelto fra tutti i popoli della terra, come Sua creatura, quindi il primogenito.

2° Dia ha fatto molte promesse e profezie a Israele : benedizioni e aiuti. E Israele ha molti doveri verso Dio. Questo è un primo perché, le nazioni odiano ( Medio Oriente e Europa) il primogenito è un esempio , d’amore e d’aiuto verso gli altri, riceve da Dio più benedizioni, ma riceve anche più giudizio per il male e il peccato.

3° Deve servire noi .

4° E’ una luce per noi.

5° E’ l’esercito che distruggerà le nazioni.

Ora guardiamo questi 5 punti , che si trovano nella Parola di Dio e meditiamo. Io vedo Israele posto da Dio come fu Giuseppe figlio di Giacobbe, quando rivela ai suoi fratelli il sogno avuto, è il punto che m’ha colpito di più. Il dr. Mike Brown ci ha spiegato : Perchè Israele ? Le nazioni hanno trattato male il Suo popolo e molte sono già state giudicate, nonostante la dispersione del Suo popolo, Dio li ha riportati nella loro terra , perché è una promessa che ha fatto al Suo popolo. Tutto il mondo vedrà a Gerusalemme il ritorno del Messia come Re, con tutti i figli di Dio e il popolo del Messia, (in Dio non ci sono caste o tribù ) C’è un se, Israele dovrà chiedere il ritorno del Messia, riconoscerlo , dargli il benvenuto. Se Israele sarà eliminato non c’è più salvezza. A loro sono state date le leggi e rivelazione. Ma grazie a Gesù Cristo che ci ha innesti nell’ulivo ebraico, avremmo la salvezza. E’ un Dio di fedeltà e vuole che i popoli vivano in pace con Lui e le nazioni. Lascerà Dio che il Medio Oriente e l’Europa , distruggano Israele? No ! Chi vuole questo e satana, quindi le nazioni sono sotto il giudizio di Dio. I Giorni trascorsi con i partecipanti del Congresso, fra le lodi di adorazione, le preghiere e intercessioni a Yeshua, ci ha avvolti nella presenza di Dio

Relazione VI° Convegno EDIPI a Ficarazzi-Palermo

Congresso di Palermo-Ficarazzi

Sono rimasta così sorpresa , quando sono entrata nella chiesa di Ficarazzi Eben Ezer, per un momento credevo di essere entrata in un Kibbutz in Israele; nel mio cuore c’era tanta gioia.

L’accoglienza è stata meravigliosa, perché nei loro cuori c’è Gesù e ogni persona che ha Gesù nel cuore è speciale. Il nostro parlare era su Gesù, la Chiesa, Israele e il ritorno di Gesù a Gerusalemme.

L’introduzione al congresso, con il coro della chiesa , con canti di lode e preghiera. Il pastore N. Cirrito ci ha introdotto con il capitolo di Zaccaria 12 ; le promesse per Giuda e Gerusalemme. Poi il pastore I. Basana ci ha condotti , nella realtà di Israele popolo di Dio e le vicende, che da sempre sono costretti a subire dall’occidente e dal Medio Oriente. Ci sono stati dei tempi di lode e preghiera, sempre guidati dl coro della chiesa; una chiesa all’aperto in mezzo a tante piante verdi , curate molto bene.

Sono stati 4 giorni felici, con riposo e riflessione nella Parola di Dio e sulla realtà di Israele. Un altro ospite era Mark Surrey ha parlato delle mura di Gerusalemme al tempo di Neemia e io vedevo Israele attuale che tutt’ora deve costruire delle mura per difendersi dai nemici.

L’ultima sera come relatore avevamo Magdi Cristiano Allam, ci ha spiegato quanto sia necessario essere informati si quello che sta succedendo nel Medio Oriente e in Italia, per non cadere nella sottomissione a l’Islam e la sua religione, ha spiegato che nel corano il loro dio, Allah, si fa testo e si incarta nel Corano. Ci ha letto delle sure che sono i capitolo del Corano , tipo il 29 : 9 Combattete coloro che non credono in Allah e al suo messaggero. Questo è solo uno dei tanti versi che ci coinvolgono. Nel suo libro “ ISLAM siamo in guerra” spiega molto bene la situazione islamica e musulmana. Questa grande chiesa ama Gesù, nato e vissuto in Israele e in Gerusalemme ritornerà.

Chiudo con il versetto scritto in una lunga trave di sostegno alla tenda: “ SE GESÙ’ NON FOSSE RISORTO VANA SAREBBE LA NOSTRA FEDE.” Ringrazio ognuno per l’ospitalità, la cordialità e accoglienza.

2° Resoconto sull' ARCHEOTOUR EDIPI a Gerusalemme di Lia Tiso.

Ancora una volta ho avuto l’onore di vedere Gerusalemme, una città dove il passato, il presente e il futuro si incontrano. Le pietre parlano della terra scelta dal nostro Padre Celeste, dove Yeshua visse e camminò su quelle strade, insegnando e compiendo miracoli. Queste pietre vogliono far vivere il Suo popolo , sono lì a Gerusalemme ; città che è stata distrutta diverse volte. Le grosse pietre, le colonne, sono state riusate, come se ognuno volesse tenere per sé un pezzo di questa città eterna, che parla ancor oggi, vive e parla del suo passato. C’ è chi s’ è accaparrato e incastonato , nelle chiese, chi nelle strade, altri nelle moschee e ancora nelle case, fra le viuzze; un museo a cielo aperto. Il popolo israeliano dopo aver subìto tante angherie, un olocausto e molte sofferenze da tutta l’ Europa e in Medio Oriente, sa sorridere e vivere ancora con amore e umiltà. Molti la chiamano la città santa, ma quando sono scesa dall’ aereo, non mi sono tolta le scarpe e neppure chi insieme ai sacerdoti e pellegrini erano venuti per vedere dove è vissuto Gesù. Per me è la città eterna dove Yeshua ritornerà e la Gerusalemme Celeste scenderà dal cielo.

Resoconto su Caserta

Con Andie e Ivan siamo partiti da Padova il giorno 23 per il convegno E.D.I.P.I. Regionale di Caserta, arrivando nel tardo pomeriggio con la pioggia (Napule ...O sole mio!). Arrivati alla casa di preghiera HOP House Prayer di Marcianise, incontrammo Floriana e Massimiliano, che ci seguono con i culti e gli studi da Padova via Skipe. Ci siamo abbracciati felici tutti insieme. Si è iniziato subito alla sera con l'introduzione del past. Ivan Basana, presidente EDIPI, ci diede le ultime notizie su Israele, anche in riferimento al Giorno della Memoria, visto la prossimità della data del 27 gennaio; anche le vicende odierne su Israele e come sta subendo attacchi terroristici ogni giorno, sono state commentate. Dopo un sonno ristoratore, il giorno seguente abbiamo iniziato la giornata con un tempo di preghiera e adorazione, condotta da Walter Lento e c'è stato un ottimo coinvolgimento e una vera benedizione per tutti noi. Si è proseguiti con l'assemblea soci EDIPI valutando i bilanci consuntivo 2014 e preventivo 2015 con il progetto del Raduno Nazionale 2015 a Napoli. Si è passati quindi ad eleggere il vice Presidente: all'unanimità è stato indicato il Pastore Bruno Ciccarelli con assistenti Walter Lento e Giovanni Tortora. Nel pomeriggio il Pastore Ciccarelli ci ha introdotto al tema del convegno con una prima esposizione biblica sul personaggio di Amalek antico e anche presente nemico di Israele. Dopo una pausa musicale, con le Voci di Sion in versione ridotta, è intervenuta la Prof.essa Nikla Costantino insegnante e docente universitaria a Foggia, spiegandoci come nel Giorno della memoria lei insegna hai suoi allievi anche riferimenti alle vicende del popolo Ebraico nella sua storia millenaria, le persecuzioni subite fin dai tempi antichi evidenziate nella Bibbia, con riferimenti di attualità. Il terzo oratore è stato l'Avv. Giovanni Tortora di Napoli, che ci ha spiegato (Bibbia alla mano ) come Amalek comincio'a perseguitare Israele quando era appena uscito dall'Egitto con Mose',nella prima battaglia condotta da Giosuè e proseguendo di guerra in guerra, fino hai giorni nostri. Ottimo è stato l'ausilio del power point per illustare meglio la sua relazione. Domenica 25 dopo l'introduzione del presidente EDIPI incentrata sull'involuzione della Giornata della Memoria che sta diventando una ricorrenza sterile nei contenuti e nelle proposte che si erano prefissate 15 anni fa quando è diventata legge dello Stato, c'è stata la gradita visita del Presidente della Comunità Ebraica di Roma dr. Riccardo Pacifici che ricordandoci gli orrori del passato, ha denunciato gli attacchi che in questo tempo stanno subendo le comunità ebraiche e lo Stato Israele. Ha inoltre risposto ad alcune domande sulla situazione odierna dell'Aliyà in Europa e in Italia. In serata il past. Ivan Basana è stato invitato a predicare nella Chiesa Nuova Pentecoste di Napoli (quartiere San Giovanni al Teduccio) curata dal past. Antonio Izzo, nuovo socio EDIPI. Lunedì mattina per i pochi che erano rimasti c'è stata la visita alla Reggia di Caserta con una guida d'eccezione: la dr.essa Rossella Genovese.

 

Lia Tiso

Sottoscrivi questo feed RSS