Menu

Deprecated: Non-static method JApplicationSite::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/hm2j6jp9/edipi.net/templates/gk_news/lib/framework/helper.layout.php on line 181

Deprecated: Non-static method JApplicationCms::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/hm2j6jp9/edipi.net/libraries/cms/application/site.php on line 272
Laura Calasso

Laura Calasso

URL del sito web:

UNESCO E ISRAELE

Ringraziando la nostra associata Laura Calasso segnaliamo questa iniziativa quanto mai importante!

In merito alla decisione dell'Unesco di disconoscere il Muro del Pianto come luogo di appartenenza degli Ebrei, Vi giro la mail che ho inviato all'ambasciatrice Lomonaco con copia al Gabinetto del Ministro Gentiloni e al Premier Renzi. Sentitevi liberi di affollare la scrivania di questa signora che quanto a storia è ignorante e superficiale...e pericolosa.

Grazie Anche se dubito che qualche solerte e zelante segretaria farà pervenire questa mail sulla sua scrivania, provo lo stesso (la speranza è l'ultima a morire) a manifestarle la mia personale disapprovazione e formale protesta a farmi rappresentare, quale cittadina italiana, da persone impreparate, ignoranti, superficiali e qualunquiste come lei ha dimostrato di essere su una decisione che considero di fondamentale importanza per i già precari equilibri della politica medio orientale in corso, in un periodo storico in cui evidenti rigurgiti antisemiti stanno diventando una drammatica realtà. Essere "ambasciatore" significa parlare a nome di qualcuno, rispettandone e, possibilmente, condividendone i principi e i valori fondamentali.

Essere "ambasciatore" non significa conoscere tutto ma approfondire gli argomenti e le tematiche che di volta in volta si presentano all'esame per essere coerenti e conoscitori della verità, della cultura e della storia. Votando l'astensione dell'Italia, assieme ad altri 26 paesi scellerati, lei ha dimostrato di non essere preparata al voto, permettendo così che una decisione drammatica, antistorica, antisemita, anticristiana, negazionista e molto pericolosa acquisisse la maggioranza. Cancellando i siti storici di un popolo se ne cancellano automaticamente la storia e il diritto ad esistere. L'Unesco ha eliminato, grazie al suo voto, più di 3000 anni di storia ebraica, i luoghi santi che sono da sempre l'essenza del Popolo di Israele sono stati spazzati via e consegnati agli arabi che non hanno su di essi nessun diritto storico, religioso e politico. La ritengo responsabile di questa aberrante decisione perché probabilmente non si rende neanche conto del danno che ha portato all'immagine dell'Italia, che sta cercando di riscattarsi e prendere le distanze dagli obbrobri delle leggi razziali, quando si preferiva voltare la faccia da un'altra parte quando si leggeva sulle vetrine dei negozi "fuori i cani e gli ebrei".

Lei ha fatto proprio questo con il suo "non voto": voltare la faccia da un'altra parte facendo finta di non vedere....aprendo uno scenario che se nel passato ha portato alla Shoah, è difficile ma non impossibile prevedere a cosa porterà. Una "tirata d'orecchie" l'ha ricevuta anche dal Premier Renzi che proprio oggi ha DISAPPROVATO la decisione dell'Unesco e quindi indirettamente anche il suo operato di ambasciatrice. Meno male che qualcuno la storia la conosce e prende una posizione, ma il danno purtroppo è fatto. Per approfondire l'argomento "Muro del Pianto" la invito a leggere un libro, il più venduto al mondo che non farà fatica a trovare: si tratta della Bibbia, così capirà cos'è il "muro del Pianto" perché lo hanno chiamato così e se le avanza tempo vada a Gerusalemme e con una buona guida ebraica scenda nel tunnel al di sotto del Muro del Pianto e "legga" la storia, quella vera. Per conoscere la verità bisogna scavare molto in profondità. Scavi a mani nude se necessario, ma scavi. Buon lavoro !

Report sul 2° Convegno Regionale EDIPI Lombardia

 Vigevano, 12 e 13 settembre 2015 Sabato 12 e domenica 13 settembre, al suono dello Shofar, il Gruppo Lode della Chiesa ospitante RIVER CHURCH di Vigevano ha aperto il 2° Convegno Regionale EDIPI della Lombardia.

Il tema del Convegno “Israele: l’orologio di Dio per gli ultimi tempi”, particolarmente adatto al periodo storico che stiamo vivendo, ha rappresentato una vera e propria cassa di risonanza per molte persone che sono giunte a Vigevano provenienti dalla Lombardia, dal Piemonte e dal Veneto, non soltanto coloro che hanno una fede personale nel Signore Gesù, ma anche persone che si pongono delle domande su ciò che sta accadendo nel mondo proprio sotto i nostri occhi e cercano risposte spirituali e bibliche alle ansie, incertezze e preoccupazioni sul futuro che ci attende.

Il Pastore della River Church Eduard Ottoboni e la moglie Katia hanno fatto gli onori di casa dando il loro caloroso benvenuto a tutti i partecipanti al Convegno, ai Pastori ospiti: Ivan Basana, Corrado Maggia, Ferruccio d’Angelo, Antonio Rozzini, William Rivas e Galidia Rincon e al Gruppo Vocale “Arpa di Davide”.

Dopo una breve spiegazione della sottoscritta sul ruolo di Evangelici d’Italia per Israele, Andie Basana, attraverso il suo appassionato messaggio sui moltissimi viaggi fatti in Israele, non soltanto in periodi di relativa tranquillità per il popolo Ebraico, ma e soprattutto quando la gente non andava in Israele per paura di attentati o addirittura lo scorso anno quando Israele viveva quotidianamente sotto attacco dei missili che partivano da Gaza, ha invitato a scegliere per le prossime vacanze Israele, Eretz Israel, la Terra d’Israele, privilegiandola ad altre destinazioni turistiche, per sperimentare di persona la bellezza di una terra che colpisce qualunque turista, soprattutto se cristiano, per sovrapporre un viaggio reale ad un viaggio ideale “camminando” sulle pagine della Bibbia.

Un altro aspetto di non poco rilievo sottolineato da Andie è che il nostro approccio nei confronti di Israele e del Popolo Ebraico non deve essere di tipo sentimentale; per i credenti amare Israele e il Popolo Ebraico non è un “optional” emotivo ma un imperativo biblico da manifestare attraverso la preghiera e l’intercessione (“Pregate per la pace di Gerusalemme”, “Consolate, consolate il mio popolo”), ma anche la manifestazione pratica del sostegno economico per aiutare le Congregazioni Messianiche e per fare aliya, perché il Governo Israeliano per far fronte alle minacce che arrivano da tutti i Paesi Islamici confinanti è costretto a investire per la propria Difesa Militare circa l’80% delle risorse finanziarie.

Graditissimo ospite a sorpresa del convegno è stato il Pastore Antonio Rozzini, della Chiesa Cristiana Evangelica ADI di Bergamo e Responsabile per l’Italia di International Christian Embassy of Jerusalem, che ci ha onorato con la sua visita e, dopo una breve spiegazione sulle finalità dell’ICEJ ha evidenziato che, nonostante alcuni segnali di apertura, nelle chiese Italiane sono purtroppo ancora presenti pregiudizi e poca conoscenza riguardo Israele, la pupilla dell’occhio di Dio. In occasione della prossima Festa delle Capanne (Sukkot), che avrà inizio il 28 settembre, il Pastore Rozzini accompagnerà un gruppo di 50 persone

Il Pastore Ivan Basana ha poi introdotto il tema che ha dato il titolo al convegno “Israele, l’orologio di Dio per gli ultimi tempi” presentando la pubblicazione, fresca di stampa, “Future” di Meno Kalisher che, con un linguaggio semplice e una veste grafica moderna e di facile comprensione, descrive gli eventi principali che accadranno nel prossimo futuro sulla terra e che influenzeranno la vita di tutti i suoi abitanti. In altre parole e con la precisione di Dio, quel 19% di profezie bibliche che non si sono ancora avverate si adempiranno nel tempo biblico degli “ultimi giorni” citato in Matteo 24. L’intervento si è poi focalizzato sulla situazione politico-socio-economica internazionale, come l’accordo scellerato USA-Iran sul nucleare, con il quale Obama ha di fatto voltato le spalle a Israele che vede nell’Iran il suo nemico più pericoloso, la legalizzazione dei matrimoni fra omosessuali già legittimato negli USA e in altri paesi della Comunità Europea, la destabilizzazione dei governi di alcuni Paesi Arabi con la conseguente guerra civile che ha provocato il fenomeno dell’immigrazione verso l’Occidente di migliaia e migliaia di profughi e rifugiati e l’avanzata dell’autoproclamato Stato Islamico, l’ISIS; tutti elementi che ci fanno comprendere come lo scenario mondiale stia cambiando velocemente ed è preoccupante ma legittimo pensare che convoglieranno nello sfaldamento dei confini degli Stati così come noi li conosciamo oggi.

La sessione pomeridiana è iniziata con il video di un’intervista alla socia Edipi Anna Guazzelli che ha testimoniato del suo amore incondizionato nei confronti del popolo Ebraico e di Eretz Israel nato in seguito al suo primo viaggio in Israele nel 2012 e nel suo pieno coinvolgimento nella vita del popolo Ebraico.

Dulcis in fundo la Corale “Arpa di Davide”, presentata dal Pastore Ferruccio D’Angelo, che ha anche brevemente spiegato come il Signore lo abbia coinvolto, suo malgrado, nel Ministerio Pastorale utilizzando proprio l’arte e la musica per far nascere una chiesa a Torino, che ha deliziato l’uditorio con Canti Ebraici di un’intensità e di una potenza vocale notevole, che hanno coinvolto alcune sorelle e la piccola Shir nelle danze ebraiche che sono state molto apprezzate e che hanno completato in un’atmosfera gioiosa la prima giornata di questo convegno, proprio in concomitanza con Rosh ha Shana’, il Capodanno Ebraico 5776.

Il Pastore D’Angelo ha anche presentato una breve riflessione tratta da Isaia 11:11-12 sottolineando come Dio ha fatto ritornare per la prima volta gli esuli di Israele da Babilonia mentre per la seconda volta, cioè ai nostri giorni, li sta raccogliendo dai quattro angoli della terra.

Nonostante le pessime condizioni meteo, domenica 13 settembre ha visto la sala dello Spazio Congressi Evergreen di via Sacchetti 1 Vigevano, luogo di culto della “RIVER CHURCH”, colma di persone ansiose di poter riprendere il convegno e le aspettative non hanno deluso in quanto i canti della tradizione Ebraica presentati dalla Corale “Arpa di Davide”, nonostante la copiosa pioggia che cadeva dal cielo, hanno riportato il sole nella sala, ristabilendo gli equilibri della giornata precedente e illuminando i cuori di tutti i partecipanti.

Dopo un breve messaggio del Pastore Eduard Ottoboni che raccontandoci anche una simpatica storia ci ha fatto comprendere come il Signore abbia sempre gli occhi puntati su di noi, la parola è passata al Pastore Corrado Maggia che con la sua nota precisione, coadiuvato anche da alcune slides, ha affrontato il tema particolare e di grande interesse riguardante “Il ritorno di Gesù Cristo”. E quanto Gesù sia vicino lo si è capito dal fatto che delle 737 profezie riportate nelle Sacre Scritture, 594, cioè l’81% si siano già adempiute, mentre 143, cioè il 19%, debbano ancora avverarsi. Con Matteo 24:3 che ci presenta un Gesù seduto sul Monte degli Ulivi con i discepoli che Gli domandano: “Dicci quando avverranno queste cose e quale sarà il segno della tua venuta e della fine dell’età presente?“ incomincia la ricca presentazione di quegli eventi che ci faranno comprendere che Gesù è alle porte. Falsi profeti, guerre, rumori di guerre, oppressione, carestie, terremoti, apostasia della chiesa, raffreddamento, predicazione dell’Evangelo in tutto il mondo, “……allora verrà la fine” (Matteo 23:14), senza però dimenticare Matteo 23:13 che dice: “ Ma chi avrà perseverato sino alla fine, sarà salvato” rimarcando che sì, è per grazia che siamo salvati, ma che dobbiamo continuare il nostro cammino in obbedienza a testa alta, senza mai fermarci. Interessanti poi tutti i passaggi in Luca 21:25, Atti 19-21, 2Tessalonicesi 1:8 e 2:3, Gioele 2:32, Zaccaria 14:8 e ovviamente Apocalisse 5, 6 e 7 “I sette sigilli”, Apocalisse 8,9,10 e 11 “Le sette trombe” e Apocalisse 16 “Le sette coppe” che, è stato chiarito, non debbono essere interpretati come avvenimenti uno in cascata all’altro ma vanno letti e compresi nel loro insieme come eventi che a volte si sovrappongono. In conclusione, alla luce delle Scritture, dobbiamo tenere gli occhi ben aperti su ciò che succede nel mondo per essere pronti al ritorno di Gesù tenendo però bene in mente quanto ci dice Apocalisse 3:5 e cioè “Chi vince sarà dunque vestito di vesti bianche ed io non cancellerò il suo nome dal libro della vita”, segno che senza quell’abito bianco, simbolo se vogliamo della giustizia dei santi, il Signore potrà anche cancellarci da quel libro della vita nel quale forse pensavamo che il nostro nome fosse stato scritto definitivamente con inchiostro indelebile.

Come sempre, purtroppo, il tempo si è dimostrato tiranno e quindi il Pastore Maggia si è dispiaciuto di non aver potuto completare tutto lo studio, rimandandoci così alla sua letteratura sull’argomento. Poco tempo è rimasto anche al Pastore Ivan Basana che avrebbe voluto parlarci ampiamente di: “Che fare? Progettare il futuro assieme ai Messianici significa vivere nelle profezie” e quindi si è limitato a ricordarci, come già fatto in altre occasioni, il famoso concetto delle 3P e precisamente:

Pregare:

pregare costantemente per la pace di Gerusalemme ricordando anche che la prima domenica di ottobre sarà la giornata mondiale di preghiera per la pace di Gerusalemme.

Provvedere:

contribuire con un sostegno economico per Israele (non dimentichiamo come già detto, che l’80 % della loro spesa va nella difesa).

Portare:

facciamo conoscere a fondo la realtà di questo Popolo e di questo Paese ai nostri famigliari, fratelli, amici, conoscenti attraverso viaggi, film e pubblicazioni.

La giornata si è conclusa con la corale “ Arpa di Davide” che, su richiesta del Presidente EDIPI, ci ha deliziato nuovamente con i commoventi brani “Gerusalemme d’Oro” e l’Inno Nazionale Ebraico “Hatikvah” cantato anche dal pubblico in standing ovation.

Laura Calasso 14 settembre 2015

Resoconto "Radici Ebraiche del Cristianesimo"

Riceviamo dalla socia EDIPI Laura Calasso, il seguente resoconto relativo ad una iniziativa EDIPI a Milano.

Sabato 25 gennaio ho avuto l'onore di fare una presentazione sulle
"Radici Ebraiche del Cristianesimo"

nella Chiesa Evangelica "La Grande Missione" (allineata con le Elim) di
Via Fleming, 8 a Milano.

La chiesa è prevalentemente latino-americana, di lingua spagnola quindi,
e l'uditorio abbastanza numeroso, circa 70-80 persone e una decina di
persone invitate da me.

I Pastori William e Galidia Rincon Rivas hanno un cuore illuminato per
quanto riguarda Israele e il Popolo Ebraico e il 31 dicembre hanno
dedicato la serata all' intercessione e preghiera per Israele. Inoltre
Galidia partecipa agli incontri di preghiera che teniamo a casa di mia
sorella Ornella.

Il gruppo Danza della chiesa, formato da bambine piccole e grandi, ha
ballato e cantato vestite con abiti bianchi e azzurri e sbandierato al
suono di musiche ebraiche.

Le persone hanno accolto e ricevuto il messaggio di duemila anni di
dispersione e cacciata degli Ebrei da ogni Paese, della responsabiltà
della "Chiesa" di questa immane tragedia, della necessità di ristabilire
il legame antico della prima chiesa che è nata a Gerusalemme. Ai nostri giorni assistiamo alla profezia consolidata sotto i nostri occhi del ritorno degli Ebrei nella loro Patria, della nascita delle Congregzioni Messianiche in Israele, che attualmente si stanno moltiplicando.

In Italia l' Associzione Evangelici d'Italia per Israele con la missione a loro affidata, opera per favorire la rivelazione di Yeshua tra il popolo ebraico, cosolidando inoltre i rapporti con lo Stato di Israele.

Domenica mattina invece ho chiesto al pastore della mia chiesa se potevo
chiedere un minuto di silenzio per ricordare le vittime della Shoah.. me
lo ha concesso... ne ho approfittato per parlare ai cuori della
"responsabilita'" di ognuno di noi di fronte a Dio, che ce ne chiederà
conto, e sulle note di Schlinder List "TUTTI" si sono alzati.
Al termine la moglie del Pastore mi ha detto che abbiamo fatto bene a fare questo e che ha sentito lo Spirito Santo che la investiva durante il minuto di silenzio.



Un abbraccio a Voi tutti.


Laura

Resoconto di Laura Calasso - XI Raduno Edipi – Campogalliano 6-7 ottobre 2012

Le luci nella sala conferenze del Best Western Hotel di Campogalliano si sono da poco spente ma in quello spazio risuonano ancora le lodi, le dichiarazioni al cielo e alla terra, le esortazioni, l’unzione profetica e l’imperativo che Dio stesso ha comandato di adempiere con il Salmo 122

Pregate per la pace di Gerusalemme! “

Gerusalemme significa “Città della Pace! “Shalom”, parola chiave che ha guidato tutte le sessioni dell’incontro, in ebraico oltre a “pace” ha molteplici significati, come ha ben spiegato il Past. Corrado Maggia, significa anche stare bene, salute del corpo e della mente, benessere, felicità, tranquillità, soddisfazione, completezza, prosperità, abbondanza, pienezza, riposo, armonia, integrità, perfezione, assenza di agitazione o discordia.

Che il Principe della Pace possa essere rivelato alla Città della Pace!

Yeshua, Messia degli Ebrei, il Cristo, Signore e Salvatore dei Gentili, Ebreo per eccellenza e per scelta profetica, non ci ha comandato di pregare per nessun’altra città al mondo se non per Gerusalemme. E’ interessante chiederci “Perché? ”

Perché Gerusalemme e Israele rappresentano la chiave per il risveglio mondiale; perché quando preghiamo per Israele noi parliamo con Dio, stiamo entrando all’interno del Suo proposito, noi andiamo a Lui e Lui viene con noi perché la pace di Gerusalemme è nel cuore di Dio.

L’XI° Raduno Edipi (Evangelici d’Italia per Israele) ha saggiamente colto l’opportunità di essere punto di incontro della realtà evangelica italiana in una giornata che vede il mondo dei credenti unirsi e alzare la propria voce a Dio con un unico cuore, un’unica mente, un unico scopo:

La preghiera per la Pace di Gerusalemme

L’evento ha rappresentato l’ ”alto solaio” attraverso gli interventi e le preghiere di una serie di relatori autorevoli, ognuno dei quali ha dato il proprio profondo, appassionato contributo sui temi più rilevanti che la Scrittura cita a questo riguardo.

 

 

Ogni Pastore ha spiegato e quindi pregato assieme alla chiesa presente nella sala:

  • Per la restaurazione d’Israele.

  • Per la protezione e la pace di Israele.

  • Per il popolo arabo, ma contro lo spirito islamico radicale e la jihad.

  • Per la riconciliazione tra ebrei e cristiani, tra ebrei e arabi e altri gruppi.

  • Per la guarigione dei dolori e delle ferite del passato – ma anche del presente – inferti al popolo ebraico.

  • Per i cristiani arabi in Israele e per la protezione di quelli a favore di Israele, per liberare gli altri cristiani, quelli contro Israele, dalla presunzione di essere il sostituto di Israele, affinché diano il loro aiuto alla chiesa messianica anziché ai suoi nemici.

  • Contro i terroristi sulla terra di Israele.

  • Contro l’antisemitismo dilagante nel terzo millennio nonostante gli orrori dell’Olocausto avvenuto solo 70 anni fa.

  • Per la redenzione di Israele.

  • Per i Pastori e Leaders che hanno il compito e il dovere di guidare la Chiesa all’amore e al rispetto verso il popolo di Dio, Israele, al grido di “Ani Ohev Am Israel” (Io amo il popolo di Dio).

  • Per una corretta e onesta informazione dei canali di comunicazione.

  • Per iniziative pro-Israele negli ambienti universitari.

  • Per i giovani che vivono nella terra di Israele.

  • Per il ritorno del Messia.

  • Per una pioggia spirituale sulla terra di Israele.

  • Per l’Aliya, il ritorno alla loro terra degli ebrei dispersi nel mondo.

  • Per una forte alleanza fra Italia, Israele e America.

  • Per la misericordia nei confronti dei bisognosi, degli anziani, dei sopravvissuti alla Shoa e di coloro che sono senza casa in Israele.

  • Per la protezione dei soldati “Combattete per i vostri fratelli, per i vostri figli e vostre figlie, per le vostre mogli e le vostre case!” (Neemia 4:14).

 

Al termine di una lode meravigliosa che ha coinvolto tutti i partecipanti, ovvero la chiesa italiana riunita in quella sala, prende il microfono un Uomo, il cui nome rimarrà sempre impresso nella mia mente, Antonio Sorrenti, si presenta con la sua kippà e letteralmente con un filo di voce sconvolge la chiesa con la sua testimonianza di come vive oggi un Ebreo della diaspora in Italia, in un piccolo paese della Calabria ; assieme alle ferite interiori, mai completamente guarite, abbiamo visto sgorgare oltre alle lacrime tutto il suo dolore e tutto il suo amore per quel Dio che gli aveva soffiato nelle narici la ruah vitale. La percezione di come sia difficile essere Ebreo oggi tanto quanto lo è stato nel passato ci ha pervaso di un amore ancora più profondo per questo popolo.

 

 

Il fatto straordinario e sovrannaturale di questo Raduno è che Dio si è rivelato attraverso la Sua parola profetica portata dall’Ebreo Messianico David Ben Joseph, di Oasi Shalom (Varese). Nel Libro di Aggeo 2:1,4, è scritto: “Mettetevi al lavoro, perché io sono con voi”.

Domenica 7 ottobre infatti, giorno della preghiera per la Pace di Gerusalemme, ha coinciso con il 21° giorno del mese Tishri del calendario ebraico. L’adempimento di questa parola profetica avverrà l’8 Dicembre, giorno di Shabbat, con il Convegno Internazionale di Evangelci d’Italia per Israele, che coinciderà perfettamente con il 24° giorno del 9° mese di Kishev del calendario ebraico, dove il Signore dice attraverso Aggeo 2:18-19

Riflettete bene su ciò che è avvenuto fino a questo giorno, giorno in cui sono state messe le fondamenta del Tempio del Signore, riflettete bene! C’è ancora del grano nel granaio? La stessa vigna, il fico, il melograno, l’ulivo nulla producono! Ma da questo giorno io vi benedirò!”

 

Con queste benedizioni ci mettiamo al lavoro glorificando Dio e portando il messaggio d’amore per il Suo popolo, Israele, all’interno delle nostre chiese locali e a tutte le nazioni.

 

 

Laura Calasso

Sottoscrivi questo feed RSS