Figlia di ebrei emigrati in Canada, Bernice (l’autrice) vive portando con sé l’ombra di Auschwitz, dove i suoi genitroi si sono conosciuti e innamorati. In questo memoir fatto di parole e disegni, che sa far magicamente convivere tratti commoventi e uno humor tutto ebraico, l’autrice ci racconta un’adolescenza vissuta in una famiglia allegra e fedele alle tradizioni, in una casa dove risuona l’espressività dello yiddish; ma anche una storia di formazione in cui il tema dell’Olocausto riaffiora attraverso domande continue poste dalla protagonista ai genitori, attraverso il bisogno di conoscere, e di rinnovare la memoria. Ugo Guanda Editore.