E’ un racconto basato su un fatto realmente accaduto in un campo nazista poco prima della fine della Seconda guerra. L’incredibile vicenda è narrata da una reduce della Shoà che riuscì a festeggiare Chanukkà, la festa delle luci, pur trovandosi in un campo di concentramento. Alla fine degli anni 40 andò in America e raccontò la storia in un’intervista. Malgrado le orribili condizioni in cui vivevano innumerevoli donne e uomini ebrei, mantennero intatta la loro fede in Dio. Edizioni Mamash