Menu

Deprecated: Non-static method JApplicationSite::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/nd2y2e14/edipi.net/templates/gk_news/lib/framework/helper.layout.php on line 181

Deprecated: Non-static method JApplicationCms::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/nd2y2e14/edipi.net/libraries/cms/application/site.php on line 272

News da Amzi, 9 giugno 2017

News da Amzi, 9 giugno 2017

Mail di preghiera e informazione della amzi associazione per la testimonianza messianica a Israele amzi, 9 giugno 2017

1. Più di 2000 visitatori

2. Quiz biblico in treno

3. Educatrici sfinite

4. Discriminazione?

5. Link della settimana

1. Più di 2000 visitatori

Pedro Santos, Foresteria Beth Immanuel, Jaffa

Alleluia, abbiamo ottenuto la licenza d’esercizio! Grazie per le vostre preghiere! Dopo questo periodo faticoso e difficile, con tutte le udienze in tribunale e le spese supplementari, siamo molto riconoscenti dell’esito. La licenza d’esercizio deve essere rinnovata alla fine dell’anno e fino a quel momento dobbiamo ancora eseguire diversi lavori, fra cui l’istallazione di altri ugelli spruzzatori antincendio. Pregate perché arrivino i mezzi finanziari necessari. La giornata delle porte aperte è stata straordinaria. Dal giovedì mattina fino al sabato sera più di 2000 persone hanno visitato il Beth Immanuel, chiedendo di vedere l’edificio e di ricevere spiegazioni sulla sua storia. Abbiamo dedicato circa un’ora a ogni gruppo e ci sono state alcune ottime conversazioni sulla nostra fede. Alcuni visitatori non avevano mai sentito parlare di Jeshua come Messia. Così abbiamo avuto occasione di seminare l’evangelo. Ora ci rimane da pregare che il seme germogli e porti frutto per l’eternità.

2. Quiz biblico in treno

Najeeb ed Elizabeth Atteih, Comunità e libreria arabo-cristiana Immanuel

Dopo una manifestazione a Gerusalemme, Najeeb e un suo amico hanno preso il treno per tornare a casa a Haifa. Dopo poco tempo sono saliti due soldati ebrei religiosi che si sono seduti di fronte a loro. Najeeb ha colto l’occasione per parlare con dei soldati e ha chiesto: „Di quale unità dell’esercito fate parte?“ Loro gli hanno risposto e lui ha osservato: „Bene. Anche mio figlio serve nell’esercito.“ Loro lo hanno guardato perplessi e gli hanno chiesto: „Suo figlio è nell’esercito? Ma perché? Lei è prete o pastore, perché suo figlio dovrebbe entrare nell’esercito?“ Najeeb ha spiegato loro che amiamo Israele e la gente che vive qui. Poi ha chiesto: „Vedo che siete degli ebrei religiosi. Sapete che cosa c’è scritto nel Tanakh (AT)?“ Ha posto loro diverse domande sul Tanakh ma loro non hanno saputo rispondere. Non riuscivano quasi a credere che Najeeb, come pastore arabo-cristiano, conoscesse la Torà meglio di loro. Pregate che rileggano nel Tanakh ciò di cui hanno sentito parlare.

3. Educatrici sfinite

Chaim Barak, Love to the Needy (Aiuto per i bisognosi)

Di recente abbiamo potuto dare un aiuto al nido per l’infanzia in un quartiere povero nel sud di Tel Aviv, fornendo dei beni alimentari. Questi nidi lavorano in condizioni difficili e tristi perché mancano un po’ di tutto. Per noi è un privilegio imparare a conoscere delle educatrici che dedicano la loro vita alla cura dei bambini. La maggior parte dei bambini è figlio di rifugiati e richiedenti asilo. Pregate per loro e per le educatrici che spesso sono sfinite a causa della carenza di personale. Talvolta due educatrici sono costrette a seguire fino a venti bambini. Pregate che, nonostante questo, possano dare ai bambini l’amore e l’attenzione di cui essi hanno bisogno.

4. Discriminazione?

Quando il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanjahu il mese scorso ha dichiarato davanti al Presidente americano Trump, che Israele difende la libertà di religione per qualsiasi tipo di fede, molti ebrei messianici, che hanno intenzione di immigrare in Israele, si saranno chiesti come la loro fede rientri in questa immagine di democrazia e tolleranza. A molti di loro infatti viene negato il diritto di immigrare a causa della loro fede in Jeshua. Israele incoraggia gli ebrei di tutto il mondo a ritornare nella terra dei padri, offrendo molte agevolazioni per i primi anni di vita nel paese. Gli ebrei che credono in Jeshua, però, sono considerati “cristiani” e perdono il diritto di cittadinanza israeliana. Tale diritto è fondamentalmente riconosciuto a chi può dimostrare di essere ebreo o di avere almeno un nonno ebreo.

5. Link della settimana

Intervista con la cristiana libanese Brigitte Gabriel (tedesco)

<http://www.amzi.org/>

https://youtu.be/uDBHX2x-BgM

Torna in alto