Menu

Deprecated: Non-static method JApplicationSite::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/nd2y2e14/edipi.net/templates/gk_news/lib/framework/helper.layout.php on line 181

Deprecated: Non-static method JApplicationCms::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/nd2y2e14/edipi.net/libraries/cms/application/site.php on line 272

La crociata degli evangelici in favore di Israele

La crociata degli evangelici in favore di Israele

di Cyrille Louis GERUSALEMME - L'Ambasciata degli Stati Uniti a Israele, il cui trasferimento a Gerusalemme è stato deciso il 6 dicembre da Donald Trump, non sarà la prima istituzione a rivendicare questo statuto. Dal 1980, una "Ambasciata Cristiana Internazionale" testimonia l'incrollabile sostegno che le comunità evangeliche stabilite negli Stati Uniti, in Sud America, in Asia e altrove hanno scelto di portare allo Stato ebraico. Ospitata in un'elegante villa nell'ex colonia tedesca, questa organizzazione spende ogni anno oltre venti milioni di dollari per finanziare l'immigrazione ebraica, fornire aiuti ai sopravvissuti all'Olocausto e sostenere gli insediamenti israeliani in Cisgiordania. "A differenza delle chiese stabilite, che si sono spesso mostrate ostili agli ebrei, siamo qui per riparare tutto il male che è stato fatto loro in passato", ha detto David Parsons, il suo vicepresidente. Convinti che il ritorno del popolo ebraico nella antica terra di Israele, tra cui la Cisgiordania, è un prerequisito per il compimento delle profezie bibliche, i cristiani evangelici non hanno nascosto la loro soddisfazione quando il presidente degli Stati Uniti ha riconosciuto Gerusalemme come la capitale dello Stato ebraico. Nei giorni scorsi, la Friends of Zion Christian Foundation ha finanziato l'installazione di dozzine di insegne nel centro della città, in cui si augura il benvenuto a Mike Pence. Profondamente religioso, il vicepresidente condivide la loro fede nella dimensione messianica del sionismo e sembra aver personalmente influenzato la decisione di Donald Trump. "Questa visita è una consacrazione che incorona un antico e incrollabile impegno per Israele", ha detto David Parsons, il cui unico rimpianto è che Mr. Pence in questa occasione non ha trovato il tempo di incontrare i rappresentanti del movimento evangelico. Organizzazione atipica, l'"Ambasciata cristiana" è stata creata in risposta alla crisi diplomatica che alla Knesset ha provocato il voto di una legge che proclama la sovranità israeliana su tutta Gerusalemme. Su invito dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, le tredici ambasciate allora stabilite nella città sono state trasferite a Tel Aviv per protestare contro questa decisione unilaterale. "Mentre i nostri paesi hanno voltato le spalle a Israele, abbiamo ritenuto importante mostrare la nostra solidarietà con Israele", ha dichiarato David Parsons. In collaborazione con l'Agenzia ebraica e insieme ad altre organizzazioni evangeliche, l'ambasciata ha sborsato 55 milioni di dollari per facilitare l'aliya, la partenza verso Israele, di 140.000 ebrei dall'ex-URSS, dall'India e dall'Etiopia - ma anche dalla Francia, dove 4.000 candidati hanno beneficiato del suo aiuto dopo il 2010. Nel cuore della Cisgiordania, finanzia la costruzione e la manutenzione di infrastrutture a vantaggio dei coloni israeliani. "Non demonizziamo nessuno", afferma Parsons, sottolineando il lavoro svolto in una sinagoga a Kiryat Arba, uno degli insediamenti più radicali della Cisgiordania.

Continua a leggere su Notizie Israele

Torna in alto