Menu

Deprecated: Non-static method JApplicationSite::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/nd2y2e14/edipi.net/templates/gk_news/lib/framework/helper.layout.php on line 181

Deprecated: Non-static method JApplicationCms::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/nd2y2e14/edipi.net/libraries/cms/application/site.php on line 272

Beduini del Negev, nessun genocidio in atto di Deborah Fait

Mi reco spesso nel Negev perché mio figlio Aaron vive e lavora in un centro di ricerca scientifica, chiamato Midreshet Ben Gurion (vicinissimo al kibbutz Sde Boker), branca dell’Università Ben Gurion; più esattamente della Ben-Gurion University of the Negev, Jacob Blaustein Insts. for Desert Research,Inst. of Dryland Biotechnology and Agriculture. http://bgu.ac.il/Eng/Units/bidr/Faculty_Members/fait.htmhttp://en.wikipedia.org/wiki/Midreshet_Ben-Gurion http://www.boker.org.il/meida/mdr/midra-e/mdrsch.htm Si tratta di un villaggio in pieno deserto di Giuda, piccola oasi nel verde, dove gli scienziati vivono con le loro famiglie in villette o case di, al massimo, un piano. Nel villaggio c’è tutto quello che si possa desiderare, un piccolo centro commerciale, la posta, gli ambulatori…

Aliyah

In questi giorni stiamo assistendo ad un importante ritorno degli ebrei francesi in terra di Israele e questa Aliyah d'oltralpe non è minimamente paragonabile a quella di qualche decennio fa dalla Russia, in quanto in minima parte è determinata da motivi economoci, mentre lo è maggiormente per una recrudescenza dell'antisemitismo. E' un fenomeno generale, non una crisi passeggera. Una fuga simboleggiata da personaggi ordinari ed eroici come Frank Levy Lovie, capo dei pompieri di Parigi, che nel 2006 prestò soccorso ad Haifa, bombardata dagli Hezbollah: da allora è rimasto in Israele e presta servizio ad Eilat.Poi ci sono emigrazioni eclatanti…
Leggi tutto...

News, dall' "operazione carciofi"

  • Scritto da
L'operazione "Il deserto fiorisce come la rosa" è decollata proprio perchè è una profezia ...del cielo. Miriam Stern ci ha spedito queste foto che testimoniano della semina nel moshav Amaagri di Tifrah. In ebraico il nome Tifrah significa "illuminata fiorirà" e il riferimento a "...come la rosa" è calzante in quanto il bocciolo del carciofo violaceo assomiglia al bocciolo della rosa. Allegate le foto della semina nei 15 acri allestiti a serra.

News da Tehilat-Yah

Da questo mese il sito EDIPI darà le informazioni sulla congregazione Tehilat-Yah nella citta di Rishon Le-Tzion curata dal pastore messianico Micky Yaron; ricordiamo che Micky ebbe la rivelazione che Gesù era il Messia di Israele in Italia durante il periodo di studio per laurearsi in medicina a Roma. E' stato un'apprezzato conferenziere nei nostri Raduni Nazionali e in alcuni convegni regionali; inoltre ha organizzato per EDIPI il Raduno del decennale a Gerusalemme nel 2011. In allegato la News Letter
Leggi tutto...

Bruxelles come Wannsee?

Di Ugo Volli Cari amici, questa notizia l'avete potuta leggere suoi giornali di oggi, IC ve la riporta in un'altra pagina, ma dovete perdonarmi se io ve ne do un piccolo commento ulteriore, diciamo per amor di discussione. Dunque è successo che... i paesi dell'America latina, già offesi con l'Europa per non aver accolto con onori adeguati il presidente boliviano, hanno intimato alla Gran Bretagna di etichettare le sue stoffe in maniera che sia chiaro se provengono o no dalle Falkland, che loro chiamano Malvinas e considerano abusivamente occupate da Sua Maestà Britannica, anche se gli abitanti sono inglesi da…

L'Europa di Auschwitz

Di Deborah Fait Ho sempre pensato che l’odio razziale ottenebri il cervello e renda stupidi. Abbiamo tanti esempi, recentemente, nel loro piccolo, anzi miserevole, abbiamo letto le opinioni di Sofri e Ovadia sul caso inesistente del bambino palestinese lanciapietre oppure abbiamo dovuto sentire gli abominevoli e indegni insulti del ministro Calderoli a un altro ministro della Repubblica. Esempi di odio, stupidità, incapacità di collegare il cervello con qualcosa che non sia un ragionamento bestiale.Adesso abbiamo un altro esempio di questo oscuramento cerebrale che l’odio razziale produce. Qui non si tratta di omuncoli stupidi e razzisti, si tratta di qualcosa di…

FONDI D'INVESTIMENTO? NO GRAZIE, PREFERISCO FONDI DI...CARCIOFI!

Sollecitandone la decisione, EDIPI si fa promotore di un'iniziativa, chepotremo definire una "startup biblica".Il progetto nasce da una richiesta del moshav Ama-Agri di Tifrah (unacooperativa agricola del deserto Neghev in Israele) che è gestito dalla coppia di ebrei messianici Avi e Miriam Stern.Miriam è figlia di David Stern, importante scrittore del mondomessianico d'Israele, autore fra l'altro del commentario messianicodella Bibbia e di una sua traduzione per le congregazioni messianiche.La richiesta di Miriam Stern è quella di un prestito di 15.000 dollari(equivalente a 10.560,00 Euro) che renderebbero nella primavera 2014.Con tale cifra prevedono di piantare circa 50.000 piantine di carciofiricavate da…
Leggi tutto...

Resoconto di Caltagirone Giugno 2013

LA PRESENZA EBRAICA NELLA STORIA E NELL'ECONOMIA DELLA SICILIA Il convegno, organizzato dalla comunità B'nei Efraim di Caltanissetta e da Edipi con il patrocinio del Comune di Caltagirone, si è svolto dal 28 al 30 giugno nella cittadina famosa in tutto il mondo per le sue ceramiche. La sera del 28 giugno, presso l'hotel Villa Sturzo, i presidenti delle due associazioni, Ivan Basana e Nazzarena Condemi, hanno aperto i lavori presentando le rispettive associazioni. Si sono poi soffermati ad illustrare il programma del convegno le cui finalità erano quelle quelle di far emergere le radici ebraiche del territorio, finora coperte…
Leggi tutto...

""L'imbroglio britannico continua a produrre effetti nefasti"

Finalmente, tra gli innumerevoli articoli che oggi trattano il problema arabo-israeliano, ne compare uno che pone l'attenzione non sull'Olocausto, la risoluzione 181 dell'Onu, la guerra dei sei giorni, gli accordi di Oslo, ma sugli accadimenti successivi alla Prima guerra mondiale. L'autore è Giovanni Quer, che tratta l'argomento sul sito "Informazione Corretta" in un articolo del 28 giugno 2013: "Conflitto arabo-israeliano, breve storia dalle origini". Peccato che su un tema in cui occorrerebbe avere la massima precisione e chiarezza, l'articolo di Quer contribuisce, se mai ce ne fosse stato bisogno, ad aumentare ambiguità e confusione. Dopo aver cercato di seguire l'autore…
Leggi tutto...

Il compromesso fra la mucca e il macellaio di Ugo Volli

Cari amici, c'è una bugia consolatoria che spesso sentiamo ripetere sul conflitto arabo-israeliano: che è una questione di terra e di confini, che l'ideologia non c'entra e tanto meno la religione e che dunque un compromesso è possibile, come in tutte le situazione in cui due parti si contendono qualcosa di materiale: basta dividerla, trovare il punto di equilibrio in cui tutti siano ugualmente soddisfatti (o tutti ugualmente insoddisfatti, non fa differenza): magari non sarà un compromesso perfettamente giusto (non ce n'è mai), ma alla fine ci si accomoda e funziona. Così è accaduto per le dispute territoriali fra Italia…

Culto speciale in ricordo del pastore Alfonso Marchetta - Chiesa Elim di Palma di Montechiaro (Agrigento)

Giovedì 27 giugno alle ore 19:30 presso la sala di culto della Chiesa Elim di Palma di Montechiaro (Agrigento) si terrà un culto speciale in ricordo del pastore Alfonso Marchetta che proprio lì esercitò il suo ministero pastorale con dedizione, impegno e abnegazione.Per l'occasione presiederà il pastore Ivan Basana, presidente di Evangelici d'Italia per Israele, associacione nella quale peraltro il pastore Marchetta ricopriva la carica di vicepresidente.Il gruppo giovanile B'nei Efraim della congregazione evangelica di Caltanisetta curerà la lode e il supporto musicale.Per il pastore Basana sarà un'importante occasione di incoraggiare la famiglia Marchetta, dalla moglie Giusy ai figli Marco,…
Leggi tutto...

News da Beit Immanuel - Giugno 2013

La nuova generazione ha un impatto su Israele per Yeshua Quando i camionisti Edan e Lev si presentarono alla grande e molto rispettata società di trasporti locale, sapevano che avrebbero dovuto essere onesti e dire al capo che erano ebrei messianici. Con centinaia di candidati che fanno domanda per i pochi posti che offrono un buono stipendio, benefici e sicurezza del lavoro, i Messianici israeliani sapevano che parlare della loro fede avrebbe potuto compromettere il lavoro. "Così siete ebrei messianici", sorrise il capo. "So tutto di voi, ragazzi. Mio fratello è un Ebreo messianico proprio come voi ed è un…
Leggi tutto...

Sionismo, una parola che non tutti capiscono di Ugo Volli

Come tutti sanno, lo stato di Israele non è solo da sempre è sottoposto ad attacchi sul piano militare e terroristico e delle manifestazioni violente sul suo territorio, ma anche a una campagna infinita di delegittimazione e demonizzazione in tutto il mondo, che mira a boicottarlo sul piano economico e culturale, a isolarlo su quello politico e diplomatico, a metterlo sotto accusa su quello legale. Le due cose sono evidentemente legate. La guerra politica e propagandistica legittima le azioni violente, e queste ultime, presentandosi come "resistenza" e dando luogo alle reazioni difensive di Israele, alimentano la campagna di stampa, le…

Alla fiera Agro-Mashov il meglio dell'agricoltura hi-tech israeliana di Fabio Scuto

Edipi sostiene il moshav Ama-Agri di Tifrah nella convinzione che il progetto biblico di far rinverdire il deserto passi anche attraverso le iniziative agricole Tel Aviv Anguria "personalizzata", il "la-moon plum", che sembra un limone ma ha la polpa simile alla prugna, una versione ibrida di broccoli e cavolo cinese, un tipo di sedano che sembra una zucchina. Sono state loro le star quest'anno dell'Agro-Mashov, la fiera che presenta ogni anno il meglio dell'agricoltura hi-tech israeliana. Questo tipo di coltivazione è parte integrante del sistema produttivo agricolo ed è certamente uno dei suoi elementi di punta nei mercati internazionali. Lo…
Leggi tutto...

Israele: un amore a prima vista. Ricambiato di Astrit Sukni

Ho avuto il grande piacere di partecipare al viaggio studio in Israele che Informazione Corretta organizza ogni anno. Oltre ad essere il mio primo viaggio con IC, è stata anche la prima volta che andavo in Israele. Molti musulmani, anche quelli che si ritengono "moderati", non si dimostrano entusiasti a visitare Israele, non ci mettono piede oppure non vogliono perché prevale il pregiudizio. Io invece, di famiglia musulmana e con passaporto albanese, anche se vivo ormai in Italia da diversi anni, ci tenevo moltissimo.Questo viaggio ha rafforzato ancora di più la mia opinione positiva su Israele. Ho avuto la possibilità…

Fatti (ostinati) su Giudea e Samaria di Ugo Volli

Cari amici, al rientro dal viaggio di studio in Giudea e Samaria organizzato da Informazione Corretta, parlandone un po' con i miei interlocutori, mi sono accorto che la maggior parte delle persone, anche quelli interessati alla situazione mediorientale e magari amici di Israele, ne sanno pochissimo. Ho parlato con diverse persone che vanno spesso in Israele e dicono di non aver mai messo piede nei "territori" e non intendono farlo - una forma di boicottaggio morbido molto politically correct che ricorda quello assai più duro e discusso dei teatri israeliani che rifiutarono di lavorare nel teatro di Ariel o delle…

Sergio Minerbi: «Il Vaticano e la Shoah» di Stefano Magni

Sergio Minerbi: «Il Vaticano e la Shoah» di Stefano Magni Riportiamo da “L’Opinione” la terza parte dell'intervista a Sergio Minerbi, ex ambasciatore di Israele a Bruxelles e professore all'Università Ebraica di Gerusalemme. - In Italia è morto Giulio Andreotti, ricordato come l'uomo dei compromessi (non solo con l'Islam). Secondo Lei quanto influì sulla politica del Vaticano? Io mi rendo conto che il Vaticano non possa adottare una linea di politica estera all'israeliana, se non altro perché manca di esercito. Ma anche con le sue limitate possibilità, il Vaticano ha una tale potenza dichiarativa che una sola presa di posizione sarebbe…

I Pionieri di Ugo Volli

Cari amici, la vitalità di un popolo non si misura solo dalle sue realizzazioni materiali, dalla bellezza dei paesaggi che lo circondano, dalle sue realizzazioni materiali e culturali, dal suo potere militare o economico. Da tutti questi punti di vista una visita in Israele mostra la straordinaria produttività del popolo ebraico nel secolo e mezzo circa in cui si è dedicato alla rinascita della sua terra d'origine. La bellezza delle città nei loro monumenti antichi e nell'edilizia moderna; lo straordinario fiore di una terra per secoli etichettata come desertica e improduttiva; i suoi scrittori, i suoi pittori, gli inventori e…

In merito a una missione di aziende piemontesi in Israele e Territori Occupati

Come riportato anche dal nostro sito, dal 2 al 5 giugno alcune aziende e istituzioni piemontesi, con la presenza del sindaco Piero Fassino, svolgeranno una missione in Israele e Territori Palestinesi per verificare la possibilità di una collaborazione in vari settori, in particolare nel campo delle energie rinnovabili. A questa missione parteciperà anche il dott. Emanuel Segre Amar, in qualità di vicepresidente della Comunità ebraica di Torino. Segre Amar ci ha autorizzati a rendere noto che nell'ambito dei vari avvenimenti legati alla missione lui, e solo lui, sarà tenuto "fuori da tutti gli incontri con le personalità maomettane". Ha aggiunto…