Menu

Deprecated: Non-static method JApplicationSite::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/nd2y2e14/edipi.net/templates/gk_news/lib/framework/helper.layout.php on line 181

Deprecated: Non-static method JApplicationCms::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/nd2y2e14/edipi.net/libraries/cms/application/site.php on line 272
Attualità

Attualità (515)

News letter da Amzi 13 settembre 2018

Mail di preghiera e informazione della amzi associazione per la testimonianza messianica a Israele amzi, 13. Settembre 2018

1. Nessuno si sarebbe aspettato un esordio del genere!

2. Che fantastica conferenza!

3. Tempi difficili

4. Link della settimana/ appuntamenti / modulo d'ordine

1. Nessuno si sarebbe aspettato un esordio del genere! Johnny und Marlene Shahwan, Beit Jala Da lungo tempo pensavamo di organizzare due campeggi per ragazzi di diverse fasce d'età. Finora non avevamo ancora preso una decisione a riguardo a causa delle reazioni dei genitori. Ma poi in maggio quando abbiamo esaminato il materiale relativo al musical camp abbiamo preso di nuovo coscienza del fatto che un campo così non è adatto per bambini piccoli. Così abbiamo deciso all'ultimo momento di organizzare due campi per ragazzi: uno in giugno della durata di 2 settimane per bambini dai 5 agli 8 anni ed un altro in luglio di 3 settimane per ragazzini dai 9 ai 12 anni. La nostra preghiera è che i canti e le storie che presentiamo nei campeggi entrino e rimangano nei cuori dei bambini. Molti hanno raccontato che non sapevano granché su Paolo prima del musical. Un padre ha riferito:" Mio figlio ha raccontato ogni giorno qualcosa su Paolo ed ha chiesto come prosegue la vita di questo apostolo. Purtroppo non conosco la sua storia, perciò sono contento che mio figlio possa impararlo da voi". Il Musical è stato uno strumento molto speciale per trasmettere la parola di Dio. Grazie molte a Birgit Minichmayr, che ha scritto questo è molti altri musicals. Grazie a Hannes Minichmayr, che insieme a sua moglie ha organizzato i laboratori per i ragazzi. Grazie a Rahel e Kathi che hanno collaborato ai laboratori di danza preparando i ragazzi in una sola settimana. Un grazie particolare a nostra figlia Melody senza la quale il musical non sarebbe stato mai presentato al pubblico. Lei ha insegnato ai ragazzi i canti e i relativi movimenti, ha provato le scene ed ha impersonificato un ruolo molto importante nel gruppo di teatro. Inoltre circa 8 anni fa ha partecipato alla traduzione del testo del musical! Grazie ad ogni persona del nostro Team che ha collaborato affinché sia il campo sia la rappresentazione teatrale diventaressero un avvenimento davvero speciale! Siano rese grazie al nostro Padre nel cielo che ci ha sostenuto tutto il tempo e ci ha fatto diventare più che vincitori! Grazie: • per il campeggio in Giugno, la collaborazione con Fadi, la bella atmosfera • per il campeggio dei ragazzi; preghi amo che Dio continui a lavorare nei loro cuori, • per il musical camp in luglio • per la fantastica rappresentazione del musical davanti a più di 350 persone • per tutte le persone che hanno aiutato nei campeggi • per le molteplici possibilità che abbiamo nella nostra struttura • per il sostegno che abbiamo ricevuto da Dio durante tutto il tempo di preparazione e realizzazione dei campeggi • che abbiamo trovato anche tempo per rinforzarci • per l'inizio della scuola ed il nostro programma settimanale • per una nuova collaboratrice nella nostra pensione Preghiamo per Kathrin, che ha collaborato tanti anni con noi e che da oltre 3 anni combatte con il cancro,i . il visto di Marlene (ancora non abbiamo novità a riguardo).

2. Che fantastica conferenza! /FCSI (associazione studenti cristiani in Israele)

La conferenza biblica dal 29. August al 1. September è stata per ognuno di noi una grandiosa esperienza perché abbiamo visto che Dio ha sempre il controllo e la sua parola ha grande potenza. Eravamo circa 60 tra studenti e insegnanti di provenienze differenti a studiare il vangelo di Marco. Attraverso la lettura del testo, le osservazioni, le domande e le discussioni in piccoli gruppi abbiamo potuto sperimentare di più su Gesù e il nostro Padre nel cielo. Ci rallegriamo molto nel vedere, sopratutto tra gli studenti di lingua ebraica, crescita e interesse e siamo incoraggiati ad investire ancora nella prossima conferenza studentesca sul vangelo di Marco. "Sono così compiaciuto nel vedere come Dio parla agli studenti attraverso la sua parola e come imparano sempre di più e si impegnano al suo servizio. È meraviglioso vedere gli occhi luccicanti quando capiscono qualcosa per la prima volta nonostante conoscano da tempo un passaggio della parola. Ogni volta quando insegno, vedo la parola VIVENTE che ci parla e ci fa capire qualcosa di nuovo su Dio e su noi stessi. Ogni mattina abbiamo iniziato con un tempo di adorazione e offerta che è stato guidato da uno dei nostri collaboratori. Due gruppi musicali composti da studenti arabi, giudei messianici e altri studenti internazionali hanno lodato il Signore in tutte e tre le lingue.

3. Tempi difficili /Marianna Gol/ Scriviamo questo messaggio su incarico dei genitori di una giovane di 18 anni, R. alla quale è stato da poco diagnosticato un linfonodo Hodgkin al quarto stadio. Prossimamente inizierà un trattamento ormonale. Durante tale fase verrà attentamente osservato il decorso della malattia. Successivamente dovrà subire una chemioterapia molto aggressiva e poi un trapianto del midollo osseo. Per R. è molto difficile accettare questa diagnosi. Nonostante la sua età sia di 18 anni, ha uno sviluppo di una ragazza più giovane. I suoi genitori hanno chiesto preghiera non solo per una completa guarigione, ma anche perchè la loro figlia reagisca positivamente di fronte ad ogni cosa che l'aspetta. I suoi genitori e i suoi 5 fratelli sono sotto pressione e stress e nonostante al momento la situazione finanziaria sia buona, potrebbe presto diventare problematica se i suoi genitori devono stare con lei piuttosto che a lavoro. La sorella più grande di R., Y, ha ottenuto un permesso di 2 mesi dall'esercito per poter aiutare la sua famiglia. Anche Y. ha chiesto preghiera. Grazie di cuore per le vostre preghiere per questa giovane donna e la sua famiglia.

4. Link della settimana/ appuntamenti / modulo d'ordine

Scienziato ebreo (James Tour) rende la più grande scoperta ebraica !!

https://youtu.be/QNGLZvtRoiU

Leggi tutto...

L’orrore che travolse anche avvocati e magistrati ebrei

Il volume si chiama Razza e inGiustizia.

Sarà discusso domani in plenum al Csm, poi presentato ufficialmente venerdì nella Sala Koch dalla presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati e dai vertici di Csm e Cnf Fa i conti, questo libro, con l’orrore delle leggi razziali e la tragedia che, in quella cornice tremenda, accomunò il mondo della giustizia. Lo dice la seconda riga del titolo: Avvocati e magistrati al tempo delle leggi antiebraiche. Il lavoro è il frutto di uno sforzo altrettanto comune: vi si trovano interventi di due presidenti emeriti della Corte costituzionale, Gaetano Silvestri e Riccardo Chieppa, della senatrice a vita Liliana Segre, dell’attuale presidente del Cnf Andrea Mascherin e del presidente emerito Guido Alpa, e ancora di altre figure di primo piano di avvocatura e magistratura, così come della presidente dell’Unione comunità ebraiche italiane Noemi Di Segni.

Tutto sotto la supervisione di Antonella Meniconi e Marcello Pezzetti. Uno dei saggi raccolti nell’opera è firmato dal consigliere del Cnf Francesco Marullo di Condojanni insieme con Giulia Merlo. «Raccontiamo di una storia tra le più commoventi e tragiche, quella di Amalia Fleischer, prima donna ad essere stata iscritta all’Ordine degli avvocati di Bolzano, figlia di ebrei di Fiume e cancellata dopo le leggi razziali, fino alla deportazione a Birkenau che la inghiottì per sempre», scandisce, con una certa fatica a celare la commozione, Marullo di Condojanni.

Continua a leggere su ildubbio

Leggi tutto...

Gli evangelici aiutano Israele

Dopo la vittoria israeliana della guerra dei Sei Giorni, nel 1967, una grande parte degli evangelici americani, 25% dei cristiani degli Stati Uniti, sostiene attivamente Israele. Tutti non appartengono al movimento radicale dei cristiani sionisti che agiscono, come HaYovel, in vista di un ritorno degli ebrei nella Palestina storica. Tuttavia, hanno adottato un sostegno zelante a Israele in nome di una fede protestante evangelica fondata sulla conversione, il cristianesimo decentralizzato e la lettura approfondita della Bibbia.

Da quando, negli anni Settanta, la destra evangelica guadagnava influenza nella sfera pubblica e politica degli Stati Uniti, la filantropia cristiana americana cominciava a sostenere l'immigrazione ebraica, specialmente nei paesi dell'Unione Sovietica, in collaborazione con l'Agenzia ebraica incaricata dell'immigrazione verso Israele in seno alla diaspora.

Continua a leggere su italiaoggi

Leggi tutto...

Ambasciatore d’Israele a Roma, l’incarico al giornalista Eydar

Il prossimo ambasciatore d’Israele a Roma sarà il giornalista del quotidiano Israel Hayom, Dror Eydar. La scelta del Primo ministro Benjamin Netanyahu è stata annunciata nelle scorse ore e Eydar, se dovesse superare tutti i passaggi necessari, inizierà il suo incarico a partire dalla prossima estate, una volta concluso il mandato dell’attuale ambasciatore Ofer Sachs.

Editorialista di Israel Hayom sin dalla sua nascita nel 2007, Eydar ha dichiarato che rappresentare Israele era “un sogno di lunga data”. Rispondendo a una domanda se avesse chiesto lui la posizione o fosse stata una scelta autonoma del Primo ministro Netanyahu, ha spiegato che si è trattato di “un desiderio reciproco”. “Come ricercatore di storia e letteratura, il privilegio di rappresentare lo Stato di Israele a Roma, con tutto il bagaglio diplomatico, nazionale e religioso che lega i due popoli e risale a migliaia di anni fa, assume un significato speciale.

Come ho fatto come giornalista e in altre posizioni in Israele e in tutto il mondo, cercherò di dedicare tutte le mie energie e conoscenze per rappresentare Israele fedelmente e con coraggio”, ha dichiarato Eydar.

Continua a leggere su moked

Leggi tutto...

L'appello contro l'Iran al Salone del Libro 2020

L'annunciata presenza dell'Iran al Salone del Libro nel 2020 sta suscitando le proteste di quanti ritengono un abominio nei confronti della cultura la presenza di uno dei paesi dove è più violenta la repressione di tutto quanto attiene alla libertà di espressione.  Chiediamo perciò a tutti i lettori di IC di aderire all’appello lanciato da Anita Friedman e già sottoscritto tra molti altri da Rafi Gamzou, Ambasciatore d'Israele in Portogallo, per bloccare una decisione, politica più che culturale, che offende tutti coloro che credono nei valori di giustizia e libertà. Firma anche tu, è molto semplice, clicca su questo link e compila il breve questionario.

Continua a leggere su informazionecorretta

Leggi tutto...

Un modo nuovo di visitare Gerusalemme con le lenti della realtà virtuale

Commento di Fabiana Magrì

Seduti sui gradini della piscina di Erode, all’ombra delle mura del Museo della Torre di Davide a Gerusalemme, una coppia di turisti - lei australiana, lui svedese - si guardano intorno. Si sforzano di immaginare l’imponenza di quella vasca degna di un re all’epoca dell’impero romano. Cercano nei ricordi qualche immagine che possa raffigurare il lusso dei marmi colorati che la decoravano. Non è semplice: davanti ai loro occhi c’è solo una piccola voragine, tutto ciò che resta della sontuosa piscina, interrotta dalle mura crociate che si sono sovrapposte alla struttura originale. La guida del museo li invita a indossare gli occhiali Samsung Gear VR che hanno ricevuto poco prima, nell’Innovation Lab del museo e che adesso portano appesi al collo. Le bocche si spalancano in un’espressione di puro stupore.

Negli schermi del dispositivo per la realtà virtuale è comparsa un’immensa piscina d’acqua cristallina, da esplorare a 360°, circondata da alberi, colonne e una magnifica villa. «Step into History» è il nuovo tour itinerante in realtà virtuale, interamente affiancato da una guida qualificata, disponibile per i visitatori di Gerusalemme, a partire dal 23 settembre. Il viaggio, vero e virtuale, attraversa la Città Vecchia odierna e ne svela le sembianze durante il periodo di Erode, circa 2000 anni fa, all’epoca del Secondo Tempio.

Continua a leggere su informazionecorretta

Leggi tutto...

La CCR e Israele

di Marcello Cicchese

Qualcuno potrebbe pensare che lo scandalo provocato dall'esplosiva relazione dell'«Arcivescovo di Ulpiana, Nunzio apostolico» Carlo Maria Viganò pubblicata sul quotidiano "La Verità" del 26 agosto, in cui si scopre il coperchio su uno stomachevole secchio di immondizia fatta di veri e propri "crimini contro l'umanità" per la devastazione morale di giovani in via di formazione e sviluppo, siano la prova incontestabile della impossibilità per la CCR (Chiesa Cattolica Romana) di proclamarsi strumento divino, con l'autorità di stabilire ciò che è vero e ciò che è falso su tutto quello che riguarda Dio e gli uomini, e di avere l'autorità di aprire e chiudere le porte del Regno dei Cieli. Non è così. Almeno nell'autocoscienza della CCR. L'Arcivescovo Carlo Maria Viganò termina la sua relazione su quell'immonda realtà fatta non soltanto di perversioni sessuali ma anche di complicità e silenzi, tra cui quello di Jorge Mario Bergoglio, detto Papa, con queste parole: «E nei momenti di grande prova che la grazia del Signore si rivela sovrabbondante e mette la sua misericordia senza limiti a disposizione di tutti; ma è concessa solo a chi è veramente pentito e propone sinceramente di emendarsi.

Questo è il tempo opportuno per la Chiesa, per confessare i propri peccati, per convertirsi e fare penitenza. Preghiamo tutti per la Chiesa e per il Papa, ricordiamoci di quante volte ci ha chiesto di pregare per lui! Rinnoviamo tutti la fede nella Chiesa nostra madre: «Credo la Chiesa, una, santa, cattolica e apostolica». Cristo non abbandonerà mai la sua Chiesa! L'ha generata nel suo sangue e la rianima continuamente con il suo Spirito! Maria, madre della Chiesa, prega per noi! Maria Vergine Regina' madre del Re della gloria, prega per noi!». Secondo questa concezione, la CCR può uscire addirittura rafforzata da questi scandali, perché - penserà qualcuno - se Dio ha mantenuto in vita una simile istituzione religiosa per così tanto tempo, nonostante ci sia in essa così tanto letame, vuole dire che esiste un’elezione dipendente soltanto dalla scelta di Dio e non dalla maggiore o minore fedeltà degli uomini.

Continua a leggere su notiziesuisraele

Leggi tutto...

Tel Aviv rende omaggio a ventitré “Italkim”

TEL AVIV

Ventitré biografie di italiani e tra questi ben 6 insignite con il massimo riconoscimento del paese, il 'Premio Israel'. A tutti loro, gli 'Italkim' che negli anni '20 e '30 fecero l'aliyà(l’immigrazione) in quella che allora era la Palestina sotto Mandato inglese, è dedicata la mostra che si apre il domani al Museo di Arte Ebraica Italiana U. Nahon di Gerusalemme.

Un omaggio - ha detto il presidente dell'istituzione Jack Arbib - a chi ha contribuito con la sua opera alla costruzione dello Stato di Israele di cui nel 2018 si festeggiano i 70 anni della nascita. Una aliyà «di grande qualità» - ha aggiunto - che per scelta, o per costrizione imposta dall'antisemitismo razzista allora crescente in Italia, portò «ragazzi e ragazze provenienti da famiglie borghesi agiate a diventare pionieri in un paese che poco conoscevano ma che amavano profondamente».

Continua a leggere su ilpiccolo.it

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS