Menu

Deprecated: Non-static method JApplicationSite::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/nd2y2e14/edipi.net/templates/gk_news/lib/framework/helper.layout.php on line 181

Deprecated: Non-static method JApplicationCms::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/nd2y2e14/edipi.net/libraries/cms/application/site.php on line 272
Redazione Edipi

Redazione Edipi

URL del sito web:

L'appello contro l'Iran al Salone del Libro 2020

L'annunciata presenza dell'Iran al Salone del Libro nel 2020 sta suscitando le proteste di quanti ritengono un abominio nei confronti della cultura la presenza di uno dei paesi dove è più violenta la repressione di tutto quanto attiene alla libertà di espressione.  Chiediamo perciò a tutti i lettori di IC di aderire all’appello lanciato da Anita Friedman e già sottoscritto tra molti altri da Rafi Gamzou, Ambasciatore d'Israele in Portogallo, per bloccare una decisione, politica più che culturale, che offende tutti coloro che credono nei valori di giustizia e libertà. Firma anche tu, è molto semplice, clicca su questo link e compila il breve questionario.

Continua a leggere su informazionecorretta

Un modo nuovo di visitare Gerusalemme con le lenti della realtà virtuale

Commento di Fabiana Magrì

Seduti sui gradini della piscina di Erode, all’ombra delle mura del Museo della Torre di Davide a Gerusalemme, una coppia di turisti - lei australiana, lui svedese - si guardano intorno. Si sforzano di immaginare l’imponenza di quella vasca degna di un re all’epoca dell’impero romano. Cercano nei ricordi qualche immagine che possa raffigurare il lusso dei marmi colorati che la decoravano. Non è semplice: davanti ai loro occhi c’è solo una piccola voragine, tutto ciò che resta della sontuosa piscina, interrotta dalle mura crociate che si sono sovrapposte alla struttura originale. La guida del museo li invita a indossare gli occhiali Samsung Gear VR che hanno ricevuto poco prima, nell’Innovation Lab del museo e che adesso portano appesi al collo. Le bocche si spalancano in un’espressione di puro stupore.

Negli schermi del dispositivo per la realtà virtuale è comparsa un’immensa piscina d’acqua cristallina, da esplorare a 360°, circondata da alberi, colonne e una magnifica villa. «Step into History» è il nuovo tour itinerante in realtà virtuale, interamente affiancato da una guida qualificata, disponibile per i visitatori di Gerusalemme, a partire dal 23 settembre. Il viaggio, vero e virtuale, attraversa la Città Vecchia odierna e ne svela le sembianze durante il periodo di Erode, circa 2000 anni fa, all’epoca del Secondo Tempio.

Continua a leggere su informazionecorretta

La CCR e Israele

di Marcello Cicchese

Qualcuno potrebbe pensare che lo scandalo provocato dall'esplosiva relazione dell'«Arcivescovo di Ulpiana, Nunzio apostolico» Carlo Maria Viganò pubblicata sul quotidiano "La Verità" del 26 agosto, in cui si scopre il coperchio su uno stomachevole secchio di immondizia fatta di veri e propri "crimini contro l'umanità" per la devastazione morale di giovani in via di formazione e sviluppo, siano la prova incontestabile della impossibilità per la CCR (Chiesa Cattolica Romana) di proclamarsi strumento divino, con l'autorità di stabilire ciò che è vero e ciò che è falso su tutto quello che riguarda Dio e gli uomini, e di avere l'autorità di aprire e chiudere le porte del Regno dei Cieli. Non è così. Almeno nell'autocoscienza della CCR. L'Arcivescovo Carlo Maria Viganò termina la sua relazione su quell'immonda realtà fatta non soltanto di perversioni sessuali ma anche di complicità e silenzi, tra cui quello di Jorge Mario Bergoglio, detto Papa, con queste parole: «E nei momenti di grande prova che la grazia del Signore si rivela sovrabbondante e mette la sua misericordia senza limiti a disposizione di tutti; ma è concessa solo a chi è veramente pentito e propone sinceramente di emendarsi.

Questo è il tempo opportuno per la Chiesa, per confessare i propri peccati, per convertirsi e fare penitenza. Preghiamo tutti per la Chiesa e per il Papa, ricordiamoci di quante volte ci ha chiesto di pregare per lui! Rinnoviamo tutti la fede nella Chiesa nostra madre: «Credo la Chiesa, una, santa, cattolica e apostolica». Cristo non abbandonerà mai la sua Chiesa! L'ha generata nel suo sangue e la rianima continuamente con il suo Spirito! Maria, madre della Chiesa, prega per noi! Maria Vergine Regina' madre del Re della gloria, prega per noi!». Secondo questa concezione, la CCR può uscire addirittura rafforzata da questi scandali, perché - penserà qualcuno - se Dio ha mantenuto in vita una simile istituzione religiosa per così tanto tempo, nonostante ci sia in essa così tanto letame, vuole dire che esiste un’elezione dipendente soltanto dalla scelta di Dio e non dalla maggiore o minore fedeltà degli uomini.

Continua a leggere su notiziesuisraele

Sottoscrivi questo feed RSS