Menu

News da Beit Emanuel - Purim

News da Beit Emanuel - Purim

Cari Amici

In tutte le generazioni esistono coloro che desiderano distruggere il popolo Ebraico ha dichiarato Benjamin Natanyahu recentemente in un messaggio di purim. In questa generazione prosegue, viviamo in un’era benedetta perché v’è uno Stato Ebraico in grado di difendere il popolo Ebraico.

Purim ammonisce noi tutti, donne e uomini affinché intraprendessimo azioni capaci di  salvaguardarci. E non solo lasciare che gli eventi prendano il loro corso. Non possiamo aspettare passivamente qualche intervento divino.

Questo è il messaggio nel libro di Ester. Purim è una garanzia che la mano divina interverrà per rovesciare i tavoli dei nemici di Israele, quando si è disposto a lottare per la giusta causa. Non è fato né conseguenza per l’eroina di Purim.  Questa giovane ragazza usando il buon senso dell’intuizione di donna, e con la persuasione gentile femminile riuscì a convincere il re ad ascoltare la sua supplica. “Si e verificato per coincidenza,” quando lo zio fedele ha rischiato tutto per difendere ciò per cui credeva e non ha esitato a mettere in guardia il suo popolo riguardante l’imminente pericolo.

Mentre purim è una ricorrenza costante che ricorda agli ebrei che hanno dei nemici dedicati alla loro distruzione, si impara dal libro di Ester anche che si può e si deve fare qualcosa al riguardo. Alla resa dei conti quando sembrano che tutte le carte sono contro, non si deve stare a covare.

Si celebra il purim come una memoriale affinché ci scuota dall’apatia.

E’ giunto il momento di alzarsi e fare qualcosa, qualcosa che si può fare, qualcosa che si dovrebbe fare. Qualcosa che potrebbe ribaltare la situazione contro il nemico, sventarlo  con la sua stessa follia, oppure impiccare un Aman sulla sua stessa forca.

L’autore Israeliano Yossi Klein ritiene che la lettura della storia di purim sia opportuna. La tradizione sottolinea che il libro di Ester è l’unico testo sacro nella Bibbia Ebraica in cui il nome di Dio non viene menzionato, e questo viene inteso come un’indicazione del fatto che questa storia richiede iniziative umane e quindi che l’aiuto di Dio sia implicito.

Bisogna celebrare il purim, fare quella cosa che continuamente si è rimandato per lungo tempo. Purim promette che tutti pezzi rotti nella vita possono essere riposizionati.

La regina Ester voleva godere delle benedizioni del palazzo senza portare la responsabilità di dover essere scelta dal re. Quando comprese finalmente la gravità della situazione, non ha esitato esclamando, “ se io debbo perire, che io perisca” e unii la sua sorte con quella della sua gente per la giusta causa.

Quest’anno si celebra 5773 (2013) in Israele, con un Iran nucleare, prodotti chimici mortali persistenti oltre il confine Siriano, stoccaggio di missili degli Hezbollah in Libano, il tunnel degli aspiranti Al Qaida sotto le colline di sabbia a Gaza, e le guerre civili che si infuriano alle nostre porte.

La posta in gioco è elevato che mai, ma il libro di Ester non verrà mai meno. Potete starne certi, prendete un momento, riflettete su cosa potete fare e fatela senza indugiare, potete essere come Mardocheo e Ester chi lo può dire, che fosse siete arrivati nella vostra attuale posizione in tempo come questo?


Qualche divertimento di purim

E’ una gioia ogni anno insegnare i nostri piccoli fin dalle tenere età l’importanza della celebrazione di purim.

Questa anno i nostri bambini hanno cantato un medley di canzoni che ricordano le vittorie di D-o sui nostri nemici.

La politica di purim

Alla luce delle recenti elezioni Israeliane, i giovani hanno presentato una prospettiva di aggiornamento politico sulla storia di purim.

Vashti-campaigning per i diritti delle donne, Mardocheo per i valori morali dei conservatori, Aman per il capitalismo fascista, mentre Ester per la “Beauty Queen of Israel”.

Meno male che ha vinto Mardocheo.

Troppo vino

Troppo vino per il re!

Possano tutti crescere per essere come la regina Ester e lo zio Mardocheo.

Benedizioni a voi tutti e Purim Sameach

David e Michaella

Beit Emanuel

 

(trad. Friday Osague)

Ultima modifica ilMartedì, 12 Marzo 2013 08:37
Torna in alto