Logo
Stampa questa pagina

Il Giro d’Italia 2018 nel cuore di Israele, tra mare e deserto In evidenza

Il Giro d’Italia 2018 nel cuore di Israele, tra mare e deserto

Abbiamo percorso (in bici) le prime tre tappe della Corsa rosa che partirà da Gerusalemme il prossimo 4 maggio: un viaggio nella memoria tra panorami mozzafiato di Lorenzo Cremonesi, inviato a Eilat

L’inizio è subito storia. Memoria ricca, densa, fatta di pietre e muri centenari, testimoni per nulla muti con incisi i segni delle schegge e le pallottole di guerre antiche e moderne, assieme al protrarsi di tensioni acute, che durano tutt’ora. Era inevitabile, visto che la prima tappa del 101° Giro d’Italia, delle tre che tra un mese esatto si correranno in Israele, parte proprio dal cuore di Gerusalemme. Le abbiamo appena percorse in bici per il Corriere, ben consapevoli che il 4 maggio farà certamente più caldo, assieme all’incognita più grave per i corridori. Ha un nome: «hamsin», ripreso dagli arabi del deserto, che significa «cinquanta» riferito ai gradi del vento torrido che a periodi soffia dal profondo sud del Sahara, arriva al Negev per investire l’alta Galilea e può seccare la gola e la volontà anche del ciclista più agguerrito.

Continua a leggere su corriere.it

Ultimi da Redazione Edipi

© Evangelici d\'Italia per Israele